Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Si cerca finché si è divisi nell’interiore

Divisi da chi? Dalla natura di sé: il senza origine e senza fine non coglie l’essenziale e trova interesse solo per i colori del divenire.
Divisi nel compiersi del processo della manifestazione di sé.
Divisi nella consapevolezza di sé e dell’accadere.
Divisi nell’interpretazione dello sperimentare e del suo senso.
L’interiore è lo specchio dove tutto si riflette e lì viviamo e patiamo quella divisione, se ancora è in atto.
Quando quella divisione è superata nel sentire, nel pensare, nel provare e nell’agire, finisce l’esperienza del sentirsi separati e frantumati, conscia o inconscia che essa fosse, e con essa finisce la cerca senza apparente fine.
Il senza-casa, scopertosi anche un senza-nome, risiede nello stare ascoltando l’essere semplice delle cose.
Non è il mondo dei separati che gli parla, non è il regno della divisione che lo interroga: come una concavità, l’essere suo ascolta, osserva, accoglie e contempla il canto senza voce dell’interiore.
Quel canto muto risuona senza fine e senza tempo, nel mentre i fotogrammi del mondo scorrono.


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

Print Friendly, PDF & Email
  1. Parole che risuonano nel profondo… Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *