Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Il pensiero non è la mente e riconosce “ciò che è”

[…] Il pensiero, libero dalla prigione della mente umana, ha una naturalità che è in sintonia con ciò che c’è e si mantiene fisso sul continuo apparire e scomparire che rende semplice ogni attimo. Mentre il pensiero, assoggettato alla vostra mente, sovrappone all’aprirsi e chiudersi della vita il tempo della continuità e del trascinamento che rende complesso il mondo intorno a voi.
Colui che non trascina con sé, nei pensieri, i fatti e gli esseri che si presentano, incontra una realtà di atti semplici. Quell’uomo diviene libero dal peso che il passato esercitava su di lui, e riconosce il suo essere disconnesso.

[…] La caratteristica del pensiero, vissuto nella sua natura, è quella di riconoscere ciò che c’è, mentre il pensiero assoggettato alla vostra mente costruisce etichette che non fanno che sottolineare quello che manca, che è la conseguenza dei continui paragoni fra ciò che è e quello che “dovrebbe essere”.
Ricordatevi che è solo nell’atto di riconoscere  (il cio che è, ndr)che l’uomo si placa: in lui muore il protagonismo e con esso la pretesa di aggiungere, modificare e migliorare. Dentro quella quiete si svela ai suoi occhi la radice che tutto racchiude in sé.
Il pensiero, vissuto nella sua natura, pur riconoscendo i limiti in ciò che si presenta, viene incantato dal disvelarsi di ciò che è piccolo e che, progressivamente, mostra aspetti sempre più piccoli, cioè sempre più nascosti.
Ma quando il pensiero viene assoggettato alla mente umana, l’uomo si colloca, da protagonista, al centro di un mondo modellato su di sé, alla ricerca di trarre profitto sia nelle relazioni con l’altro da sé, che nel suo cammino evolutivo. E persino quando l’uomo incontra la via della Conoscenza, spesso è desideroso di lasciarsi svuotare, convinto di arricchirsi pure di quello svuotamento, non capendone l’incompatibilità.
Nello stare in c’è una naturalezza che voi non cogliete perché volete arricchirvi anche dell’immagine che ve ne siete fatti, trasformandolo in uno “stare in, per…”.
Ed arrivate a dirvi: “Io ‘devo’ stare in, per scoprire la radice”. Sempre voi e sempre le vostre finalità!
Ma colui che vive la condizione di stare in, è semplicemente colto dalla profondità di ciò che si disvela – e che lo svuota – e quindi non si proietta in una finalità “per sé”, che serve unicamente a riempirlo.

Fonte: La Via della Conoscenza, Il fare nell’accadere (94) in pubblicazione entro il 10 gennaio, qui.

Riservato a OE


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • Divenire ed essere, operare e contemplare [...] la vastità è pervasività del già preformato. Ed è proprio con questa visione della realtà che si scontra l’uomo che percorre quella via cosiddetta evolutiva (la via del migliorarsi e […]
  • Agire nel non agire: la profondità del presente [...] Vivere è essere in relazione con ciò che vi circonda, scoprendone una profondità che va al di là della superficie su cui ancora vi attestate. È un mondo che esiste, ma che voi […]
  • Un continuo nascere e scomparire [...] Siamo partiti da un presupposto, che è il quietarsi degli aspetti che caratterizzano interiormente l’uomo, e siamo giunti all'imporsi di uno stato di immobilità interiore. È lì che […]
  1. “Io ‘devo’ stare in, per scoprire la radice” . Eccolo mi vedo… 🙂

  2. Pare una strada lunga e il cammino appena iniziato. Grazie.

  3. Mi sembra difficile vivere adesso questo pensiero libero dalla mente mi sento ancora molto nel divenire, attendo fiduciosa il passaggio “all’essere”.

  4. Giusto ciò che dici. Non sempre facile attuarlo, ma vivere il “ciò che c’è”, è l’unica possibile libertà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *