Ciò che abbiamo scritto ieri, oggi lo scriveremmo diversamente. Ciò che diciamo oggi, domani lo diremo in un altro modo, questo perché ogni giorno comprendiamo nuovi aspetti del reale e della natura dell’Assoluto.
Inoltre, ciò che diciamo è sempre un appunto, l’avvio di una riflessione: se volessimo trattare esaustivamente dei temi non scriveremmo dei post, ma dei libri. Il compito di un post è quello di stimolare un processo in chi scrive e in chi legge..

Eremo dal silenzio su Twitter | Il canale Telegram
Letture per i giorni del mese di Agosto
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Queste letture sono quotidianamente pubblicate anche su Whatsapp.

continua..

L’estraneo a me, non altro da me

Un fratello nel cammino ha condiviso in una chat del Sentiero questo contenuto che di seguito condivido. È un contenuto all’apparenza ampiamente condivisibile, di un mondo spirituale che conosco molto bene, ma molto lontano dal mio registro interiore: di seguito cercherò di spiegare perché, precisando che non polemizzo né con l’autore, né con chi lo ha condiviso.

continua..L’estraneo a me, non altro da me