Il limite dell’umano e l’illusione del Divino che soccorre 10

Una voce: L’uomo che percorre la via interiore mette in campo due polarità: se stesso e il Divino e dà una propria interpretazione di come queste due polarità entrino in rapporto a partire dall’insufficienza dell’uomo che invoca e attira a sé l’eccedenza divina. Ma quella che l’uomo chiama l’“azione” divina è il moto della gratuità rivolto al relativo.

continua..

Il Cristo secondo il CF77/64: saper discernere

Il Cristo effettivamente voi sapete che prese la frusta per cacciare i mercanti dal Tempio. E allora? Sarebbe stato in contraddizione con quello che poi ebbe luogo di dire: “Ama il prossimo tuo come te stesso – a chi ti percuote su una guancia offri anche l’altra”.

continua..

Il protagonismo dell’uomo nega la gratuità 8

Una voce: L’uomo si considera una globalità unitaria fatta di emozioni, di comportamenti e di pensieri, e pertanto si costruisce un’identità fondata sulla connessione di quei tre aspetti, per poi potersi dire: “Esisto come centro di un’individualità da far diventare sempre più armonico”.

continua..