Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La conoscenza di sé, la contemplazione, la fiducia

Il nostro cammino appoggia sulla conoscenza di sé, ma non si esaurisce in essa.
Non basta leggere la propria vita in un’ottica esistenziale.
Non basta nemmeno cambiare lo sguardo sulla realtà e l’interpretazione di essa: tutto questo è propedeutico e prepara la disposizione contemplativa che può sorgere nella persona, insediarsi nel suo intimo e plasmarne le profondità dischiudendogli la comprensione di una vita radicalmente altra.
Se la conoscenza di sé non genera l’esperienza contemplativa, allora non parliamo di questo cammino, ma di altro.
La conoscenza di sé non necessariamente conduce oltre sé: la contemplazione avviene quando il soggetto sperimenta la propria irrilevanza.
Nel pieno della nostra umanità conosciamo l’irrilevanza e l’impermanenza di ogni presunzione e conoscenza: questo accade quando la brezza della contemplazione ci attraversa e rende nuova ogni realtà interiore ed esteriore.
Non c’è esperienza contemplativa che possa sorgere senza coltivare incessantemente la fiducia: fidarsi e affidarsi è il movimento che consegna la nostra centralità all’insignificanza e pone al centro il Totalmente Altro.
“Non la mia, ma la Tua volontà!”
A questo conduce il nostro procedere, la nostra via informale e laica che mai dimentica l’orizzonte che la costituisce:
– ogni battito di ciglia è espressione di una vita che si manifesta e apertura verso un accadere ed un essere che sono oltre me e la mia presunzione d’esserci;
– ogni respiro, ogni gesto ed ogni pensiero esprimono e nel contempo ritornano la consapevolezza all’Essere, alla disposizione meditativa, al dialogo interiore, alla preghiera;
– ogni momento della giornata è opportunità di coerenza e di consapevolezza del limite;
– ogni caduta non conduce alla lotta, ma alla compassione e al ritorno a zero, alla fiducia che ci pervade, ci sostiene e ci è maestra.


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • La conoscenza, la consapevolezza, la comprensione innazitutto Accogliamo oggi una nuova amica nella nostra comunità, in questa officina esistenziale che ci vede impegnati nel cammino della conoscenza, della consapevolezza, della comprensione. E' un […]
  • Senza forma Tutto ha una forma, può un cammino interiore sfuggire a questa regola? Non credo, una qualche forma la si ha sempre; nel nostro caso la perdita della forma è stata una costante della […]
  • La paura e la fiducia Ho imparato a fidarmi nel tempo, è stata una necessità: se volevo appoggiare il passo dovevo confidare che il terreno mi avrebbe sostenuto. Era così difficile il presente che c'era poco […]
  1. Sia fatta la tua volontà,
    come in cielo, così in terra.

  2. Limite, fiducia…..e compassione anche verso noi stessi quando non riusciamo subito a riconoscere, ad accettare ed accogliere il “sia fatta la Tua volontà”…

  3. E’ chiaro ciò che dici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *