Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La vita è “in sé” e non ha bisogno di aggiunte

[…] L’uomo non fa che attribuire alla vita un senso riferito a sé; questo lo porta a dare un grande significato a quella temporalità lungo la quale lui programma ed esplica i suoi progetti, le sue attività ed i suoi rapporti. Ed è questo che gli fa puntare lo sguardo principalmente sulla vita “per sé”, non lasciandosi catturare dalla vita in sé. E difatti tutti voi ritenete che la vita in sé non abbia alcun senso, e lo acquista unicamente quando gliene attribuite uno tutto vostro, cioè vostre finalità, vostri obiettivi, vostri affetti, vostri “doveri”.

[…] Qui si colloca il discorso già fatto sulle scommesse che ogni uomo crea per dare senso allo scorrere del tempo e sentirsene riempito.
Però la vita è in sé, ed ogni senso sovrapposto alla vita è puramente mentale e quindi sempre in relazione ad un mondo “per voi”. E così, molto spesso, vi capita di rimanere insoddisfatti al primo crollare dei progetti su cui puntavate, e quindi delle certezze sui risultati da conseguire, ma anche allo sgretolarsi dei tanti significati di cui riempite le vostre relazioni.

[…] Ecco perché l’uomo che incomincia a riconoscere la vita in sé non può che fare i conti con il non-senso di tutti i suoi significati; è quel non-senso che può portarlo a viversi come semplice rispecchiamento di ciò che c’è.
Ma non temete queste parole, perché essere colti dal mondo in sé non significa affatto disancorarsi dalle scelte concrete che ciascun essere è chiamato a fare. Significa solo farle in modo naturale, cioè senza il timore di perdere qualcosa, né la pretesa di guadagnare alcunché.
(Evidenziazione del redattore)

Fonte: La via della ConoscenzaLa relazione come incontro nella sacralità (95)

Riservato OE. ID 12.1


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • Lo stato immobile, i fatti che scorrono [...] Noi però oggi stiamo parlando di un percepirsi pacati e quindi placati interiormente, cioè di un’immobilità, pur dentro la variabilità dei pensieri, delle emozioni ed anche degli […]
  • Vivere nella pienezza è riconoscere ciò che già c’è [...] Il riconoscimento, però, nasce da un vuoto interiore, cioè dall’essere svuotati e liberati di tutto quello che è contenuto nella vostra mente sotto forma di oggetti psichici che […]
  • Un continuo nascere e scomparire [...] Siamo partiti da un presupposto, che è il quietarsi degli aspetti che caratterizzano interiormente l’uomo, e siamo giunti all'imporsi di uno stato di immobilità interiore. È lì che […]
  1. Quando la ricerca del senso della vita si placa e lascia posto a quel che c’è, si coglie il fluire stesso della vita, e l’irrilevanza dell’identità.

  2. Ciò che hai scritto mi è molto chiaro, dal momento che sono una ricercatrice (sempre insoddisfatta) di senso nella “mia vita”… e invece occorre che consideri che la vita ha senso “in sè”…

  3. Mi viene da dire…comunque vada, prendiamola con filosofia.

  4. Buon giorno

  5. Comprendendo queste parole alle volte le cadute mi provocano dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *