Dosare le energie nella pratica quotidiana

Dosare le energie, capire i propri limiti e ad essi adattarsi è importante per la creazione di una cella esistenziale su misura.  

La prima settimana di pratica mi ha visto volenterosa alzarmi tutte le mattine alle 5:15 per meditare dalle 5:30 alle 6:00 quando il silenzio della casa è totale. Un risveglio anticipato di un’ora rispetto alla sveglia dei giorni lavorativi. 

Dopo una settimana…il crollo, alzarsi un’ora prima del solito è troppo per me, durante la giornata la stanchezza si sente, e allora prendo qualche giorno di pausa e rifletto. Poi cambio strategia, mi alzo alle 6:00 insieme al marito, faccio colazione e mi vesto, poi quando lui esce mi siedo in zazen. Molto meglio, la variazione di orario è solo di 15 minuti, sembra più sostenibile. 

Come dice Suzuki-roshi nel suo libro Mente Zen-Mente di Principiante “Proprio nelle nostre imperfezioni troverete, la base per la vostra mente ferma, la mente che cerca la via. Chi riesce a sedere subito in perfetto assetto fisico, di solito impiega più tempo a ottenere la vera via dello zen.  Chi invece trova grandi difficoltà nel praticare lo zen vi scorgerà un significato più profondo.”  

Il canale Telegram di Eremo dal silenzio
Per rimanere aggiornati su:
Il Sentiero contemplativoContemplandoCerchio Ifior

11 commenti su “Dosare le energie nella pratica quotidiana”

  1. Grazie Mariela per la testimonianza.
    La pratica meditativa, all’inizio ma a volte anche in seguito richiede aggiustamenti personali.

  2. Grazie Mariella. Come testimoni tu e Natascia il lavoro sullo zz è un lavoro di perfezionamento continuo e forse mai definitivo, come del resto è la pratica stessa dello zz. Siamo sempre dei principianti quando ci sediamo di fronte al muro.

  3. Pratico da diverso tempo e ancora sento che la posizione non è di perfetto allineamento.
    Prima lo sgabello, ora il cuscino, sul quale solo da poco riesco a concludere i 40 minuti di Zz senza che le gambe mi si intorbidiscano fino a farmi male.
    Avverto se c’è una differenza di spessore anche minima nel tappetino, se la distanza dal muro è troppa, anche di pochi centimetri.
    Tutto questo, mi ha portato, nel tempo, ad affinare l’attenzione anche su altri particolari.
    Nel lavoro, nelle relazioni, nelle faccende quotidiane.
    La pratica mi ha educata a porre più attenzione al particolare.

  4. La tua testimonianza parla un linguaggio autentico. Un conto quello che vorrei a livello identitario un altro quello che il mio nome è e puó.

    Da li parto. Osservazione attenta, conoscenza, consapevolezza fiducia e semplicità.

    Mi accetto. Vado oltre me rispettandomi e osservando quando copio il compito del vicino di banco.
    Faccio il compito a me possibile, senza scuse, senza scusanti. In semplicità. Non cerco la promozione ma il fare – e lo stare nel fare – con gli strumenti che ho fin qui acquisito.

  5. È scientificamente provato, in neuroscienza, che un’abitudine e una consuetudine si instaurano non prima di 3 o 4 settimane dal loro inizio. Occorre quindi trovare il proprio ritmo esistenziale e mantenerlo con disciplina e volontà. In questo caso la forza di volontà fa la differenza. L’alternativa è tornare ai vecchi schemi inesorabilmente.

  6. Grazie Mariaela, questa testimonianza mi conforta e mi sostiene. Sento gratitudine per la condivisione delle difficoltà comuni.

  7. Anche a me è successo di fare vari tentativi prima di trovare la modalità più adatta alle caratteristiche personali .
    Sempre dobbiamo fare i conti con le peculiari energie……questione molto rilevante ora

  8. giusto questo concetto si puó riportare a tutto
    nel mio caso l’allenamento fisico perché ho avuto grandi difficoltà a trovare il giusto equilibrio…
    ma sento che la strada é quella giusta…
    sia nello zazen che nell’allenamento che per ogni cosa…

Lascia un commento