In zazen si sperimenta la realtà come ‘fatto’ liberato dal divenire

Lo zazen è l’esperienza della vita affrontata senza uno scopo.
La vita nel divenire è tale perché ogni fatto ha e deve avere un scopo: l’essere protesi ‘verso’, consapevole o inconsapevole che sia, crea la successione dei fatti e la loro finalizzazione.
Non avere scopo e fine distrugge il processo del divenire perché ne mina le basi.

È possibile vivere una situazione senza coltivare uno scopo, senza finalizzarla?
Perché sono qui a scrivere? Per molte ragioni da un certo punto di vista, per nessuna ragione, da un altro: cosa vuol dire?

Significa che scrivo per qualcuno o per dire qualcosa e, simultaneamente, vengo sospinto a scrivere da un processo che mi trascende completamente.
Vivo perché voglio vivere? Non diciamo fesserie: vivo perché la Vita mi rende vivente.
Scrivo perché la Vita si esprime.

Sul semplice fatto di vivere, o di scrivere, si innervano le logiche della mente/identità che creano lo scopo e la finalità: in sé c’è il vivere, c’è lo scrivere.

Ecco allora che in zazen, vissuto senza scopo e finalità, accadono fatti – sensazioni, emozioni, pensieri, sentire – che vengono semplicemente consapevolizzati, ma non finalizzati.
Questo distrugge ogni sostanza del divenire.

Una sensazione diviene solo una sensazione: sorge e scompare. Così vale anche per un pensiero e per qualsiasi altra sollecitazione.

I fatti (sensazioni, emozioni, pensieri, sentire) non sono, come nel divenire, perline di una collana: sono solo perline.

I fatti, liberati dalla collana – in cui venivano considerati non in sé, ma in quanto funzionali a un processo – emergono nella loro natura autentica, splendono nella loro essenza.

Ripeto: un fatto interno a un processo ha valore per il suo scopo: ciò che conta è lo scopo, non tanto il fatto in sé; un fatto in sé splende come fatto-in-sé.
Tutto il valore che era riposto sullo scopo, ora si rivela/svela nel fatto-in-sé.

Quel fatto non ha tempo, è eterno, e così viene sentito.

Il canale Telegram di Eremo dal silenzio
Per rimanere aggiornati su:
Il Sentiero contemplativoContemplandoCerchio Ifior

7 commenti su “In zazen si sperimenta la realtà come ‘fatto’ liberato dal divenire”

  1. Lo zazen come allenamento alla percezione di un’altra dimensione a cui non siamo abituati e non certo favoriti dalla cultura societaria

  2. Come tu ben dici lo zazen è l’esperienza della vita vissuta senza scopo.
    Tuttavia, giorno dopo giorno, questa esperienza ti richiama, imposta le tue giornate e custodisce il tuo eremo interiore. Ciò che non ha scopo è un’ancora per i tuoi giorni.

  3. In zazen incontro me stessa e il circo identitario che si smonta come lo zucchero filato mangiato al luna park.

Lascia un commento