Non aver timore di dare

Il solo avviarsi del processo del dare già ci libera.
Più il processo si consolida e diviene non solo intenzione, non solo pensiero ma si veste di affetto, di emozione e, infine, culmina nell’azione, più sentiamo realizzarsi la nostra vera natura e l’autentico scopo del nostro esistere.
L’amore è sostanza dell’essere e del divenire, l’alfa e l’omega delle nostre vite e ora assume la forma del ricevere, ora del dare; ora del sì, e ora del no; in un momento quella dell’esserci, e in un altro quella dello scomparire.
L’umano non ha difficoltà a prendere, ma non è un prendere sano perché è mosso dalla sua egoità.
Ha difficoltà a dare, e anche in questo c’entra la sua egoità.
Quando viene una stagione nuova nel sentire, quella che tutti perseguiamo, il prendere e il dare non sono che due volti dell’amore. la porta dell’essere è aperta in entrambe le direzioni, prendiamo e doniamo con la stessa naturalezza e nella gratuità a noi possibile.


Novità dal Sentiero contemplativo: se vuoi, iscriviti alla community

 

8 commenti su “Non aver timore di dare”

  1. consapevole che non sempre riesco ad esprimere con il giusto equilibrio questo dare ed avere, confido nella saggezza della Vita!

  2. Mi viene in mente quella antica frase che dice che spinti dall’amore si agisce “senza sforzo”…

Lascia un commento