Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Lo stato immobile, i fatti che scorrono

[…] Noi però oggi stiamo parlando di un percepirsi pacati e quindi placati interiormente, cioè di un’immobilità, pur dentro la variabilità dei pensieri, delle emozioni ed anche degli atteggiamenti o dei comportamenti.
Ed è proprio così: dentro la variabilità della globalità umana c’è uno stato immobile.
L’incontro col mondo misterioso in sé porta a scoprire che ognuno è già altro rispetto a quello che oggi pensa di essere, poiché diventa possibile scoprire dentro di sé la radice di tutto.
C’è un punto dal quale si assiste a ciò che accade interiormente, e quindi lo scorrere dei pensieri o l’accendersi delle emozioni, senza legarsi a ciò che scorre, ma assistendo semplicemente a quegli stati da cui si viene attraversati e vedendoli nel loro essere disconnessi.
C’è un punto dal quale è possibile osservare, senza trascinarseli dietro, i fatti che nascono e muoiono, oppure pensieri ed emozioni visti come fatti.
In quel punto ha sede il riconoscimento che tutti i fatti interni o esterni, visti in sé, nascono e muoiono, cioè si frantumano, mutano e poi lasciano il campo. OE,ID24.2

Fonte: La Via della Conoscenza. Il testo completo: La sfilata: stare “per” o stare “in”. Lo stato interiore (93)


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo 
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • La vita è “in sé” e non ha bisogno di aggiunte [...] L’uomo non fa che attribuire alla vita un senso riferito a sé; questo lo porta a dare un grande significato a quella temporalità lungo la quale lui programma ed esplica i suoi […]
  • Vivere nella pienezza è riconoscere ciò che già c’è [...] Il riconoscimento, però, nasce da un vuoto interiore, cioè dall’essere svuotati e liberati di tutto quello che è contenuto nella vostra mente sotto forma di oggetti psichici che […]
  • Un continuo nascere e scomparire [...] Siamo partiti da un presupposto, che è il quietarsi degli aspetti che caratterizzano interiormente l’uomo, e siamo giunti all'imporsi di uno stato di immobilità interiore. È lì che […]
  1. Grazie Roberto, a volte basta la lettura di un post per ricentrarsi. O forse già il fatto di concedersi di leggerlo è indicativo del bisogno di tornare all’essenziale. In ogni caso comprendi che anche la sofferenza è funzionale a riportarti lì. Anche se, quando sei nel tunnel, questo non lo vedi.
    In questi post c’è tutta la vita.

  2. Mi si fa sempre più chiaro cosa significhi porsi come osservatore. Quando ciò avviene, lo sguardo si allarga su un orizzonte più vasto, non sono protagonista di nessuna scena, solo un soggetto come tanti, ora di un fatto ora di un altro. Allora cadono molte delle emozioni che generalmente scaturiscono quando mi sento ferita. Quando l’io viene meno, è la compassione che emerge, ma non c’è soggetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *