Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Il nostro orizzonte esistenziale e spirituale

Vi propongo queste parole del Cerchio Ifior che mirabilmente esprimono il senso compiuto del procedere interiore e l’approdo nell’esperienza dell’unità.

Quando comprenderò con tutto me stesso che «Tutto È Uno»
che sarà di me, Padre?
Moti

Tu non avrai più la tua famiglia,
ma ogni uomo, animale, pianta, cristallo
sarà un membro della fratellanza universale.
Non ti vedrò più lavorare al fine di raggiungere
maggior prestigio e maggior guadagno,
ma il tuo lavoro sarà eseguito nella coscienza
di contribuire nel tuo possibile a creare un mondo
in cui la Mia voce sarà la voce del Tutto.
Non avrai più amici perché non considererai più alcun nemico:
e quando darai, lo farai 
senza bisogno che il dare ti venga richiesto
e senza che esso venga dettato dai tuoi bisogni personali.
Non avrai più padroni, dipendenti, superiori e inferiori,
ma in ogni altro tuo simile tu vedrai te stesso in una delle tante tappe
che avrai percorso o che dovrai ancora percorrere.
Continua a leggere..

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  1. Bella sintesi, grazie.

  2. L’esperienza dell’unità è l’esperienza dell’essere condotti.
    Non si “ha” più nulla da dire, da agire, da pensare.
    Non c’è un io a cui appartengano parola, azione, emozione, pensiero.
    C’è la parola, c’è l’azione, c’è l’emozione, c’è il pensiero, e basta; nulla piú.
    L’unitarietà emerge quando dall'”avere” si passa all'”essere”; quando cade l’illusione del condurre e si fa avanti l’esperienza dell’essere condotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *