Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Saggezza e radici

Nel mondo puoi mettere un “like” senza nemmeno aver letto quello che l’altro scrive; puoi dire che ci sarai e poi dimenticartene e non curartene.
Puoi dare la tua parola, fare promesse e poi rimangiartele senza battere ciglio: nel mondo dell’effimero, puoi essere effimero e potete farvi compagnia uniti dall’inconsistenza.
Nel mondo della via interiore, un si è un si, un no, un no; un impegno, un impegno; una parola data, un obbligo.
Il mondo della via interiore ha bisogno di stabilità, di radici, di esperienza e di quella saggezza che dalle radici e dall’esperienza matura.
Questo è vissuto da alcuni come un vincolo e pare che l’umano di questo tempo aborra i vincoli: vuole le mani libere, ha molto da fare, non vuole che la via interiore sia un impegno.
Va, prende e torna a casa: come all’ipermercato.
Le radici sprofondano nell’esperienza grazie alla pratica: ogni giorno cerco di incarnare nel mio quotidiano quanto vado imparando e comprendendo.
Mi concedo i tempi per sperimentare, per riflettere, per decantare, per stare. Alterno il fare allo stare, l’inspiro all’espiro, il trattenere all’abbandonare.
Nel quotidiano imparo ad essere dedito a quello che vivo: lì, nella sfida dei fatti e delle relazioni che sempre mi svelano, sperimento la dedizione alla mia vita, al mio cammino interiore e a quanti procedono con me.
Affondo le radici nel divenire e ne comprendo il respiro, la funzione, ciò che esso produce e cambia in me: pian piano divengo simile ad una quercia.
Molto ho vissuto, molto ho visto venire ed andare, molto mi ha impattato, colpito, accarezzato: ho capito con la mente, ho compreso nel sentire, ho visto il seme della saggezza del vivere e dell’essere crescermi dentro.


Se hai domande sulla vita, o sulla via, qui puoi porle.
Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo, community

Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

Print Friendly, PDF & Email
  1. Grazie!

  2. Grazie.

  3. Limpido. Sempre più difficile separare la via dalla vita.

  4. Non c’erano riferimenti a te, non intenzionali, ho perso qualche passaggio?

  5. touche’. Scusa e grazie della sincerità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *