Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La gioia

Non uso quasi mai questo termine.
Conosco l’esperienza e la proteggo; l”uso e l’abuso quotidiano di esso mi rimandano ad un’intima violazione.
Stamattina ho letto la mail di una persona che frequenta un gruppo del Sentiero: parlava dei suoi processi interiori e di un’intima profonda gioa che da giorni lo invade fino al punto di essere quasi insopportabile.
Nel leggere le sue parole è risuonata in me quella condizione, è stato come se tutto il mio essere si fosse inchinato.
Sono sceso a prendere la legna, ho tolto la cenere ed ho acceso la stufa.

Print Friendly, PDF & Email
  1. Gesti preziosi e appaganti come tutto può essere. Siamo talmente poco abituati a un simile vivere che ritrovare l’essenza della semplicità, la sacralità di un respiro, ci sembra sorprendente. Grazie ancora per le condivisioni

  2. Che bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *