Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La piccola gioia

L’unica gioia della quale ho interesse a parlare è quella che sorge senza motivo apparente.
Quella che non ho desiderato, né cercato; quella che non ho trattenuto affinché mi accompagnasse.
So, per esperienza e per studio, che quelle gioie avvengono ogni volta che delle tessere di comprensione giungono a maturità, a pienezza nel corpo della coscienza.
La loro natura di vento impressiona l’interiore: vengono e vanno non obbedendo al alcuno e non avendo scopo apparente.
Pura gratuità. Soffio impermanente nella quiete dell’essere.


Se vuoi puoi iscriverti alla newsletter “Il Sentiero del mese” con gli appuntamenti, i post pubblicati di recente, la vita nel Sentiero contemplativo. 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *