Lo scorrere di ogni cosa: la realtà è evanescente [vdc37]

Le basi della Via della conoscenza. La vita arde e voi non la capite, la vita vi consuma, non perché divora i giorni e non perché divora i vostri pensieri, ma perché non vi lascia più spazio, perché vi mette con le spalle al muro e perché vi fa dire che anche oggi è passato.

Questa è la vita che arde e, se soltanto la ascoltate, vi strappa alla vostra mente e vi conduce dove tutto tace e c’è soltanto una voce che dice che ciò che basta è fermarsi.

Ma quella voce trova un immediato ostacolo nella vostra mente che controbatte che non bisogna fermarsi, ma bisogna procedere, bisogna costruire, bisogna cambiare, bisogna progredire!

Raccolta fondi per le iniziative editoriali del Sentiero contemplativo

E così la vita mai vi parla veramente e così viene anchilosata e catalogata e frantumata dalla vostra mente e perciò viene spezzata nel suo continuo farsi e sfarsi e così mai voi cogliete l’elemento fondamentale, che non è ciò che voi costruite durante la vita e neanche ciò che demolite durante la vita, ma è la mancanza di ogni costruzione e di ogni demolizione: è lo scorrere di tutto ciò che ponete come costruzione e di ciò che ponete come superamento di quella costruzione. Sì, è solo lo scorrere di ogni cosa, compreso il vostro pensiero di costruire qualcosa.

E poiché la vita non è soltanto ardere, ma è anche consumazione, ecco che ancora la mente blatera, dicendovi: “Non vedi come tutto va svanendo? Non vedi come tutto ti viene tolto di mano? Non vedi come tutto ti viene sottratto quando tu finalmente pensi di averlo afferrato? E allora muoviti, scuotiti, pianta radici, costruisci giorno dopo giorno il tuo futuro, predica la verità, cerca la verità, scontrati con chi nega la verità“.

E così dicendo la vostra mente mai coglie che la vita consuma ogni vostra speranza, ogni vostro desiderio e ogni vostra pretesa di essere al centro di chicchessia, poiché non c’è un centro che non venga eroso.

E allora, dell’individuo che bramava essere al centro, rimane la speranza che qualcosa ritorni come prima e rimane il desiderio che qualcosa si riproponga come prima. Ma la vita non vi lascia recuperare ciò che è stato, ed è solo la vostra mente che ve lo fa pensare, anche se poi ciò che riuscite a ottenere non è mai ciò che è stato.

La realtà è evanescente come l’attimo, e voi mai cogliete l’attimo perché non amate l’evanescenza, non amate la non corposità, non amate l’aleatorietà ma amate piantarvi, conficcarvi, aderire fino in fondo alle vostre verità e sacrificarvi per le vostre verità, o condurre ogni lotta possibile per quella che pensate sia la verità di quel momento.

Invece la vita conduce al naufragio di ogni vostra verità o di ogni affermazione di voi stessi e vi sottrae il terreno momento dopo momento, proprio quel terreno che voi amate, quel terreno che voi cercate, quel terreno che voi desiderate per voi stessi e spesso per chi amate.

Ma anche questa è un’illusione perché chi amate è soggetto alla vostra stessa sorte, e anche l’amore che lui porta a voi è effimero e caduco come il vento: oggi è, forse domani sarà ancora, ma fino a quando sarà? E che sarà di quell’amore, una volta che si scopre che niente è amore di ciò che voi denominate così, dato che l’amore copre ogni cosa, amore e anche non amore?

Appunti di vita contemplativa
Print Friendly, PDF & Email
Sottoscrivi
Notificami
guest

4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti commenti
Samuele

Quando si dice esoterismo. Credo che il passaggio chiave “ciò che basta è fermarsi”, debba essere letto come atteggiamento interiore e non come mero orientamento pratico all’immobilismo. Continuare a fare, magari anche un po’ meno rispetto a quanto ci inducano i tempi moderni se ci lasciassimo travolgere, ma, nel fare e nel non fare, mantenere l’ancoraggio proprio interiore, alla propria sorgente. Coltivare la consapevolezza di essere totalmente partecipi ma anche totalmente spettatori, osservatori che guardano da un punto fermo. Io arrivo a comprenderla come il proprio sé profondo, non arrivo oltre, dove non c’è neppure un sé ma c’è solo l’essere. Lì non c’arrivo o forse c’arrivo, a volte, un pelino, e non me ne accorgo o ho paura di ammetterlo. Ebbene, attorno a quel centro di coscienza interiore, tutta la realtà si srotola, tutto scorre ma tutto anche si imprime e modifica il centro stesso, per cui da un certo punto di vista, tutto resta e nulla va sprecato o perduto.

Catia Belacchi

Per quella che ora è la mia comprensione, credo che, finché siamo incarnati non possiamo non costruire, per sé, per la famiglia, il fare esperienze è, in senso lato, costruire Vero è che la mente ci porta anche a costruire l’effimero . Il problema sta nel l’attaccamento a quel giusto costruire, quando invece sappiamo che ci può essere sottratto in un attimo.

Elena

Stare in quel che c’è. E accogliere la paura se sorge.

Natascia

Oggi, queste parole, descrivono bene il mio presente. Madre/Padre, fa che io possa comprendere.

4
0
Vuoi commentare?x