La “Via del monaco” e la comunità monastica diffusa

Il monaco è colui/ei che nella propria solitudine esistenziale realizza l’unificazione interiore.
La solitudine esistenziale deriva dall’essere l’unico artefice delle comprensioni conseguite, comprensioni che si conseguono grazie alla relazione con l’altro da sé nelle esperienze, ma che non possono essere condotte da altri che da sé.

Tutta la realtà vissuta non è altro che una manifestazione soggettiva di un sentire che si amplia di esperienza in esperienza. Nella pienezza di questa comprensione ogni monaco cerca di vivere la realtà unitaria di ogni istante, consapevole che sorge da sé per sé e lo conduce incontro all’unità con tutti gli esseri.

Terre sconosciute, esperienze interiori, canale pubblico Telegram
Essere monaci nel Sentiero, il monaco e l’unità d’Essere, gruppo pubblico Telegram
Eremo dal silenzio, tutti i post dei siti, canale pubblico Telegram

L’unificazione interiore è l’archetipo permanente del quale il monaco sente l’influsso, e al quale si abbandona fiducioso quanto capace di affrontare i timori e le resistenze che sorgono dalla propria identità.

La Via del monaco è via di eremo e di cenobio, via di solitudine e di comunità, via di salda connessione con la Sorgente e di comunione con le sorelle, i fratelli della via e ogni altra creatura.

La struttura della Via del monaco

UN MONACHESIMO PER I SENZA RELIGIONE DEL TERZO MILLENNIO
I testi della elaborazione della Via del monaco e della comunità monastica diffusa.


Il canale Telegram di Eremo dal silenzio
Per rimanere aggiornati su:
Il Sentiero contemplativoCerchio Ifior

6 commenti su “La “Via del monaco” e la comunità monastica diffusa”

  1. Ogni volta che leggo e che mi fermo a riflettere su certi concetti, ne colgo sfumature nuove.

    L’attrazione verso cui ognuno è portato, rappresenta la direzione giusta. Qualunque essa sia. Ecco che il cuore si apre a tutti gli esseri.

  2. No Elena, non esiste un’alternativa.
    Più ti svuoti dei tanto costrutti della mente, più cadono le barriere che separano.
    Sono pochi coloro che vivono questa comprensione?
    Non ha importanza, tanto non si potrebbe tornare indietro.

  3. Unità interiore è sentire la relazione con ogni essere. Si vibra con l’archetipo del monaco che alterna eremo e cenobio. Nostra responsabilità trovare sempre l’equilibrio.

  4. Quando nella tua solitudine esistenziale realizzi l’unificazione interiore, il sentirsi uno con tutti gli esseri, smorza la solitudine ontologica

Lascia un commento