Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso [Antai-ji16]

Kōshō Uchiyama rōshiDiscorso d’addio ad Antai-ji.
Nel Tenzo kyōkun, lo scritto di Dōgen che tratta della funzione del cuoco in un monastero, si legge: “La persona confusa guarda se stesso come fosse un altro, la persona saggia considera l’altro come se stesso”. 

A questo proposito, la generazione attuale è considerata una generazione d’indifferenti, e in effetti molti guardano se stessi con apatia, come se stessero guardando degli altri. Sono dei veri somari.

In realtà è all’opposto:  il cosiddetto “altro” non esiste. Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso. Sono solo io che vivo. Quindi “la persona saggia considera l’altro come se stesso” significa che tutto quello che io vivo è nell’ambito di me stesso.

Anche nel caso dell’incontro con un altro, sono io che vivo nell’incontro con quell’altro. Il filosofo e teologo ebreo Martin Buber, cantore della vita come relazione, parla di “io e te”, ma in fin dei conti, quello che chiama con la parola “tu” è l’incontro, nel quale è il mio sangue che scorre come incontro di io e altro. Fondamentalmente in tutte le cose scorre il mio sangue, questo è l’atteggiamento importante nella vita.

Riflessioni e contemplazioni, collezione di post brevi
Brani di fonti diverse per la meditazione personale
Eremo dal silenzio, tutti i post dei siti, canale pubblico Telegram

Inoltre, io che vivo è sempre me fino in fondo, per cui sia migliorare che peggiorare è sempre affar mio. “Mi è andata male per condizioni ambientali e educative negative”, “È colpa del tale che si è comportato in quel modo”. Non serve a niente continuare a recriminare. In fin dei conti, l’atteggiamento fondamentale di una persona religiosa è dare importanza al fatto che io vivo me stesso.

Andare avanti intontiti è la propria vita, andare avanti a mente sveglia è la propria vita. Trascorrere la vita da intontiti è un peccato. Risvegliarsi nel vero senso della parola significa esortare continuamente se stessi e poi agire: è questa la mente della via.

Quindi “coscienti del fatto che sta a noi migliorarci o corromperci, impegniamoci nel miglioramento della pratica”. E quando giungono persone che non si prendono la responsabilità di se stesse e sono indifferenti, bisogna fare molta attenzione. Fonte

Il canale Telegram di Eremo dal silenzio
Per rimanere aggiornati su:
Il Sentiero contemplativoCerchio Ifior

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti commenti
Natascia

Mi capita, non di rado, sul lavoro, di richiamare gli altri al senso di responsabilità.
Mi sento libera di farlo, a volte con garbo, a volte con più rudezza, perché non condizionata dal giudizio altrui ed anche, perché l’altro non è da temere, ma un’opportunità di comprensione.

Leonardo

Centrale è la questione delle responsabilità, del farsi carico del proprio cammino. Se considero il mio problema causato dall’altro allora mi blocco la strada a qualsiasi tipo di cambiamento, vesto i panni della vittima.

Nadia

Solo in una fase matura si può affermare “Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso”.

Anna

Risvegliarsi nel vero senso della parola significa esortare continuamente se stessi e poi Agire

Un passaggio che interroga molto..

Catia Belacchi

‘Il cosiddetto altro non esiste, sono io che vivo “.
Le esperienze in cui compare l’ altro sono unicamente a beneficio della nostra comprensione, tant’è che il cf77 afferma l’altro essere un ologramma.

luca

a volte tendo a dare la colpa per la mia dislessia ad altri che non mi hanno educato bene…

ma questo é un modo per fregarmene del problema e non fare niente per migliorare.

6
0
Vuoi commentare?x