Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso [Antai-ji16]

Kōshō Uchiyama rōshiDiscorso d’addio ad Antai-ji.
Nel Tenzo kyōkun, lo scritto di Dōgen che tratta della funzione del cuoco in un monastero, si legge: “La persona confusa guarda se stesso come fosse un altro, la persona saggia considera l’altro come se stesso”. 

A questo proposito, la generazione attuale è considerata una generazione d’indifferenti, e in effetti molti guardano se stessi con apatia, come se stessero guardando degli altri. Sono dei veri somari.

In realtà è all’opposto:  il cosiddetto “altro” non esiste. Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso. Sono solo io che vivo. Quindi “la persona saggia considera l’altro come se stesso” significa che tutto quello che io vivo è nell’ambito di me stesso.

Anche nel caso dell’incontro con un altro, sono io che vivo nell’incontro con quell’altro. Il filosofo e teologo ebreo Martin Buber, cantore della vita come relazione, parla di “io e te”, ma in fin dei conti, quello che chiama con la parola “tu” è l’incontro, nel quale è il mio sangue che scorre come incontro di io e altro. Fondamentalmente in tutte le cose scorre il mio sangue, questo è l’atteggiamento importante nella vita.

Inoltre, io che vivo è sempre me fino in fondo, per cui sia migliorare che peggiorare è sempre affar mio. “Mi è andata male per condizioni ambientali e educative negative”, “È colpa del tale che si è comportato in quel modo”. Non serve a niente continuare a recriminare. In fin dei conti, l’atteggiamento fondamentale di una persona religiosa è dare importanza al fatto che io vivo me stesso.

Andare avanti intontiti è la propria vita, andare avanti a mente sveglia è la propria vita. Trascorrere la vita da intontiti è un peccato. Risvegliarsi nel vero senso della parola significa esortare continuamente se stessi e poi agire: è questa la mente della via.

Quindi “coscienti del fatto che sta a noi migliorarci o corromperci, impegniamoci nel miglioramento della pratica”. E quando giungono persone che non si prendono la responsabilità di se stesse e sono indifferenti, bisogna fare molta attenzione. Fonte

Il canale Telegram di Eremo dal silenzio
Per rimanere aggiornati su:
Il Sentiero contemplativoTerre sconosciuteCerchio Ifior

La vita nel monastero
zen di Antai-ji

6 commenti su “Anche l’altro è me, qualsiasi cosa è me stesso [Antai-ji16]”

  1. Mi capita, non di rado, sul lavoro, di richiamare gli altri al senso di responsabilità.
    Mi sento libera di farlo, a volte con garbo, a volte con più rudezza, perché non condizionata dal giudizio altrui ed anche, perché l’altro non è da temere, ma un’opportunità di comprensione.

  2. Centrale è la questione delle responsabilità, del farsi carico del proprio cammino. Se considero il mio problema causato dall’altro allora mi blocco la strada a qualsiasi tipo di cambiamento, vesto i panni della vittima.

  3. Risvegliarsi nel vero senso della parola significa esortare continuamente se stessi e poi Agire

    Un passaggio che interroga molto..

  4. ‘Il cosiddetto altro non esiste, sono io che vivo “.
    Le esperienze in cui compare l’ altro sono unicamente a beneficio della nostra comprensione, tant’è che il cf77 afferma l’altro essere un ologramma.

  5. a volte tendo a dare la colpa per la mia dislessia ad altri che non mi hanno educato bene…

    ma questo é un modo per fregarmene del problema e non fare niente per migliorare.

Lascia un commento