Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Nel ventre del tempo interiore

Il periodo a cavallo del solstizio d’inverno è il ventre del tempo interiore, dello stare, del risiedere, del contemplare i processi, del divenirne consapevoli e scoprire come il respiro del cosmo sia il nostro respiro.
In questo periodo l’umano ha collocato il natale e le celebrazioni del ritorno della luce, dimostrando sapienza e lungimiranza.
Ha collocato anche il circo degli eccessi e la tristezza conseguente.


Se vuoi puoi iscriverti alla newsletter “Il Sentiero del mese” con gli appuntamenti, i post pubblicati di recente, la vita nel Sentiero contemplativo.
Qui gli aggiornamenti quotidiani.

 

PrintFriendly and PDF
  1. … a volte la tristezza è anche durante, nell’osserva quel circo impazzito in cui i più cercano in tutti i modi di trascinarti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *