Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Si muove la foglia, non la terra

La quiete di sé, di quel bisogno d’esserci, si accompagna con il silenzio profondo della mente; alcune volte, quando la sollecitazione dell’ambiente si fa pressante, la mente si alza e si agita per tornare a posarsi poco più in là: si muove la foglia, ma non la terra.

Fonte immagine


Se vuoi puoi iscriverti alla newsletter “Il Sentiero del mese” con gli appuntamenti, i post pubblicati di recente, la vita nel Sentiero contemplativo. 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *