Dimenticarsi di sé

Quando esci dalla stazione di Cadorna, salendo le scale sulla sinistra c’è una rientranza dalla quale viene un intenso odore di orina.
Quel’odore è la chiave: parla di vita, di attese, di giocattoli in vendita, di precarietà.
Parla della vita, non del pensiero sulla vita dentro cui sei prigioniero. Alza gli occhi su quelle persone, spendi 5€, stringi una mano, guarda qualcuno negli occhi, chiedigli come sta.
Fermati e appoggia gli occhi.
Scordati di te, nella tua mente non incontrerai mai il determinante.

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti commenti
maria

Eh si caro roberto, proprio oggi dopo aver parlato con te…
Esco dolorante col corpo… incontro una donna davanti una chiesa
alzo lo sguardo mi vuole vendere dei fiori, non prendo i fiori le pongo
nella mano dei soldi, ci sorridiamo.
vita che parla come appunto dici,
senza identificazione.
gratitudine sorge.

1
0
Vuoi commentare?x