Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Quello che insegniamo qui

Non tanto a vivere spiragli di libertà, quanto a costruire le fondamenta della libertà.
Che cos’è la libertà? Vivere senza il condizionamento dell’identità, potendo sperimentarla quale semplice espressione della coscienza.
Quali sono le fondamenta? Praticare ad ogni attimo la disconnessione da ciò che la mente e l’emozione recitano.
Di disconnessione in disconnessione fiorisce il non dare importanza alla voce dell’identità;
da questo sorge il non attaccamento, l’impermanenza;
dall’impermanenza la neutralità, o equanimità, che generano la compassione.
Ecco le fondamenta e la costruzione che su di esse viene edificata.
Tutti i giorni.

Print Friendly, PDF & Email
  1. Sento davvero questa equidistanza da sé e da ogni fatto/persona come condizione perché la tenerezza della compassione sorga. A volte, mi sembra, si ha paura che il “distacco” corrisponda ad una assenza di coinvolgimento. Forse perché l’idea di coinvolgimento che abbiamo è rivolta ad alimentare l’emotività nella quale ci identifichiamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *