Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Una vita, una esperienza e delle parole piene di senso

Vi proponiamo un’intervista di Luciano Costa ad Enrico Ghidoni, l’uomo-che-cammina: una vita feconda, esperienze vissute senza risparmio, parole che dicono della vita così com’è nel momento in cui non è oscurata dalla narrazione di sé, dalle pretese e dal velo della mente.

Non è che da quelle parti ha sentito la presenza di un Dio grande e sconosciuto?
«L’ho avvertita; ho sentito la presenza di quel Dio grande e misericordioso che il vangelo racconta e propone e mi ha aiutato a comprendere lo scorrere del tempo. Quel buon Dio l’ho cercato insistentemente… Poi l’ho trovato nel mezzo di delusioni, dentro la felicità suggerita dall’immensità del silenzio e anche nelle amarezze di cui la vita è sempre condita».

Il testo completo in A4, 3 pagine.


Non puoi percorrere la via senza essere la via stessa
A seguire una intervista a Roberto “Lupo” Ghidoni, anche lui camminatore..


Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo 
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

Print Friendly, PDF & Email
  1. Mamma mia! sento che questo uomo incarna tutto ciò di cui abbiamo parlato tante volte! Bellezza è la parola che affiora!

  2. “Non so dove sto andando ma mi fido”!!! Stupendo! Grazie!!!

  3. Parole essenziali, che entrano in profondità. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *