Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Natura delle relazioni

Il lettore A e il lettore B leggono lo stesso libro*; prima questione: siamo certi che leggano le stesse pagine?
Seconda questione: se ciascun capitolo, e a volte ciascun paragrafo del libro, contempla non solo lo sviluppo della storia principale, ma anche un certo numero di varianti di quella storia, quali varianti starà leggendo il lettore A e quali il lettore B?
Se il libro è la narrazione della loro relazione, quando i due sono veramente ed effettivamente in relazione?
Solo quando leggono la stessa pagina e la stessa variante di paragrafo, o di capitolo. Altrimenti i due sono in relazione ma, fondamentalmente, ciascuno vive per conto proprio e l’altro è nella scena della propria vita solo ad uso e consumo degli apprendimenti necessari.
I due sono in relazione effettiva solo nella condivisione del sentire: è il sentire che stabilisce l’effettiva presenza di contatto e comunione, che supera la semplice rappresentazione di due che vivono assieme e condividono scene e niente altro, per affermare la comunione realizzata.
Noi crediamo che la relazione sia comunicare, provare affetto, fare le cose assieme: in realtà questo è semplicemente il condividere il libro, nulla ci dice se stiamo leggendo le stesse pagine.
Noi siamo lì, l’altro è lì, attori sui rispettivi palcoscenici che diventano unitari solo quando il sentire dell’uno si fonde col sentire dell’altro.
Una scena non è condivisa quando è percepita da entrambi, ma quando è sentita da entrambi.
E come facciamo a sapere se l’altro sente la stessa scena che sentiamo noi? Non abbiamo mai la certezza che l’altro lo stia facendo.
E cosa significa sentire una scena? Sentire una scena vuol dire crearla: ogni rappresentazione che avviene nel tempo e nello spazio può accadere perché è sentita dalla coscienza la quale crea la realtà sentendola.
Sentire una scena vuol dire sentire il portato esistenziale che quella scena va a dispiegare.
I due sono sintonizzati sullo stesso portato esistenziale? Stanno affrontando le stesse comprensioni, di medesima ampiezza seppur di natura diversa, o sono impegnati in comprensioni di natura e ampiezza differenti?
Difficile sapere e discernere simili questioni; certo, osservando i loro cammini esistenziali si può cercare di orientarsi e di comprendere se, alla fine, stanno lavorando su comprensioni relative ad un sentire prossimo, o su altre di sentire differenti e magari lontani.
Marco dice: Hai sempre detto che la realtà parla innanzitutto di noi, ma che ci dice anche qualcosa dell’altro. Mi chiedo, però: se l’altro è solo una comparsa nel mio film e la realtà è solo soggettiva, di chi stiamo parlando? Quali conoscenze posso acquisire dell’altro, se questo è solo un ologramma? In definitiva, l’altro esiste?
Tutti siamo ologrammi Marco, proiettati dai nostri sentire: l’altro è lì con le proprie meccaniche, le proprie caratteristiche, le proprie sembianze.
Ciò che lo rende davvero lì, non è il fatto che lo percepisco, ma il fatto che sento con lui.
L’altro è sul mio palcoscenico e io sto leggendo quel paragrafo in cui lui si relaziona in un certo modo con me e da quella relazione apprendo qualcosa.
Ciò non toglie che l’altro, nel racconto, non abbia caratteristiche che veramente gli appartengono: ma ciò che nell’essenza lo fa essere lì non è tutto questo, è il fatto che senta esistenzialmente ciò che io sto sentendo.

*Prendo lo spunto da un esempio del Cerchio Firenze 77.


Newsletter “Il Sentiero del mese”

 

Print Friendly
  1. “I due sono in relazione effettiva solo nella condivisione del sentire: è il sentire che stabilisce l’effettiva presenza di contatto e comunione,”. Grazie

  2. Quindi l’incontro vero è solo sul piano del sentire, questo è chiaro, ma Robi ti chiedo: “nel quotidiano quali piccoli segni, se ci sono, possono farci intuire che siamo proprio su questo piano, anche se solo per pochi istanti?”. Ricordo che leggendo i libri del Cerchio Ifior trovai delle parole molto belle e poetiche in cui si descrivevano dei momenti caratterizzati dal sentire: la sensazione di comunione con la natura, un bel tramonto in cui ci sentiamo immersi, la sensazione di fiducia, la spinta gratuita verso l’altro… si può aggiungere qualcosa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *