Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Il “bene” che genera il “male”

[…] Avevamo infatti affermato che quando si fa del bene, in base alla legge dell’equilibrio, l’azione benefica viene controbilanciata dall’immediata messa in atto di un’azione “malefica”.
[…] Le energie che mettete in moto sui vari piani di esistenza nel momento in cui compite un’azione “benefica” devono, per la legge dell’equilibrio, necessariamente essere compensate da energie di segno opposto in qualche parte del Cosmo, al fine di mantenere inalterata la qualità e la quantità energetica del Cosmo stesso. Questo non significa necessariamente che queste energie ricadono sulla vita di chi ha compiuto l’azione benefica (anche se talvolta per necessità karmiche individuali questo accade), ma trovano il loro equilibrio (per fermarci ad una scala planetaria, anche se il discorso, in realtà, comprende tutto l’ambiente del Cosmo in cui le energie vengono smosse) nell’espletarsi della reazione energetica equilibrante in un altro ambito, magari distantissimo da quello di partenza.
Qualcuno potrebbe pensare che, allora, non vi sia giustizia in questo riequilibrarsi delle energie o nella loro conservazione, ma non è così: la manifestazione delle energie negative andrà a verificarsi dove vi sono le condizioni migliori (nel senso di utilità per l’evoluzione) per la loro estrinsecazione, ovvero, per fare un esempio, su una persona che abbia necessità di sperimentare la nascita e il dipanarsi di quel tipo di vibrazioni “negative”. Che, preme sottolinearlo, veramente negative in fondo non sono, in quanto diventano un mezzo per permettere a quella persona di comprendere qualche cosa di più di se stessa.

Dall’Uno all’Uno, volume quarto, Cerchio Ifior, pag. 150, Edizione privata


Newsletter “Il Sentiero del mese”

 

Print Friendly, PDF & Email
  1. Fondamentale l’uso delle virgolette per quelle parole che sono solo etichette della mente e che non ci permettono, se applicate, di vedere i fatti per quello che sono, cioè occasioni di esperienza e quindi di conoscenza, consapevolezza e comprensione. Che cosa vogliono dire parole come ‘positivo’, ‘negativo’? Ciononostante spesso si cade nell’errore di attribuire queste coloriture a ciò che ci accade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *