Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La mente, la realtà, il sentire

Nulla comprende una mente della realtà

La persona che non ha ancora aperto le porte al sentire e che è focalizzata sul recitato della propria mente, nulla comprende del reale, della realtà e della sua natura più vera e autentica.
Nulla. Quella persona vede il film del reale, non il reale.
Oltre lo schermo ottuso frapposto dalla mente e dai suo contenuti e paradigmi, nell’affiorare del sentire, nel suo mostrarsi e dispiegarsi, nella possibilità infinita di accesso che apre, lì e solo lì il film sfuma e appare ciò che velava, ciò che c’è oltre: i contorni della realtà assumono allora una connotazione, una definizione, un senso, una pregnanza, una essenza mai conosciuti.
Uscire dalla predominanza della mente è come uscire da una sala cinematografica, sebbene il film rappresentasse la vita, non era la vita ma la sua narrazione svolta alla luce di credenze, paure, condizionamenti, interpretazioni.
La vita nel sentire non interpreta, non crede, non conosce il dolore, né l’illusione.
La vita nel sentire è: può una mente comprendere l’infinita estensione dell’infinito del verbo essere?
Cosa è celato dietro e dentro quell’infinito? Se apro quella porta, la porta dell’essere, non dell’esserci, quali abissi e orizzonti si aprono?
Non lo saprò mai finché rimarrò dentro la sala cinematografica.


Se vuoi puoi iscriverti alla newsletter “Il Sentiero del mese” con gli appuntamenti, i post pubblicati di recente, la vita nel Sentiero contemplativo.
Qui gli aggiornamenti quotidiani.

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • Raimon Panikkar, l’acqua della goccia, la creazione illusoria della realtà Raimon usa la metafora antica della goccia d'acqua e la illumina con il suo bel sorriso che, da solo, racconta molte cose. Scrivo questo post per porre domande, più che altro. Se ciò che […]
  • Il vivere conduce all’unità Dice Leonardo nel suo commento al Lunedì nel Sentiero: Non l'annullamento dell'io, la sua cancellazione: il suo venire meno significherebbe il venire meno del limite, ciò con cui […]
  • Come nasce la realtà Non è lo spettatore che si commuove alla proiezione delle scene commoventi del film, ma è la commozione dello spettatore - commozione proveniente dal più profondo del suo "sentire" - a […]
  1. Bellissima la metafora della sala cinematografica! Rende perfettamente l’idea dell’uscire da quello spazio angusto ed illusorio in cui ci troviamo quando siamo identificati con il recitato della mente. In quella sala, ora, continuamente rientriamo e da quella sala usciamo. Prima conoscevamo solo la sala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *