Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Ovunque lo sguardo si posi, là tu sei

Nelle notti di maggio
quando solo l’usignolo canta
mi alzo per incontrarti
nell’ombra scura della notte
nella luce incerta dell’alba che giunge
nello stare immobile del corpo
nel silenzio profondo del fluire.
Ovunque lo sguardo si posi
là tu sei
ineffabile presenza
sostanza della vita
ragione dell’esistere e dell’essere.
A te ritorno senza sosta
fondamento di tutte le cose.
A te mi affido
mano che mai mi abbandona.
Con te cammino
non altro da te.

Print Friendly, PDF & Email
  1. affidarsi,
    af-fidarsi,
    a-fidar-si

  2. grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *