La vita come rappresentazione

Brani dal libro L’essenziale (1)

Francesca: Cosa intendi dicendo che la vita è rappresentazione?
Roberto: Intendo dire che la rappresentazione è il processo che genera la realtà che noi percepiamo e viviamo. Rappresentare significa portare a manifestazione nel tempo e nello spazio un impulso che ha la sua origine a monte: l’attore porta a manifestazione, rappresenta, ciò che il regista e lo sceneggiatore intendono.
Ciò che viene rappresentato ha la sua genesi nell’intenzione, la quale sorge nella coscienza.
L’attore, ovvero l’agente che nel tempo e nello spazio manifesta l’intenzione, è l’identità o ego. (Mappa 1)
Così viene generata la realtà. Come viene percepita? I sensi del corpo fisico, del corpo emotivo/astrale, del corpo mentale trasmettono i dati della rappresentazione alla coscienza la quale li elabora in termini di sentire e li confronta, compara, con quelli già in suo possesso.

Su sfondo grigio i corpi dell’identità.

Lascia un commento