Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Nel più piccolo frammento

Che cosa significa l’espressione: “Nel più piccolo frammento si manifesta l’Assoluto?”
Significa che se posi l’attenzione su quel piccolo fatto e lo fai senza identificazione, quindi senza pensiero particolare, od emozione particolare, e senza interpretazione, quel fatto è solo un fatto, testimonia sé.
Quando un fatto è solo un fatto, attraverso il suo accadere si manifesta la realtà.
L’assenza di interpretazione ci dispone all’esperienza della contemplazione: la realtà della vita viene colta e vissuta in termini di sentire.
In sé, il fatto, è aspetto del divenire, ma quando non è interpretato e non è legato a ciò che l’ha preceduto e a quello che seguirà, viene colto nella sua atemporalità, nella sua eternità.
Nell’esperienza del non tempo, la consapevolezza vibra del sentire non più prigioniera del limite della mente e lì, nel sentire, fiorisce l’esperinza del non limite, del non separato, della realtà che è.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *