Assoluto che accade

Ad ogni respiro ti conosco, ad ogni gesto mi muovo con te. In ogni tuo sorriso mi apro e ogni volta che piangi il tuo pianto mi attraversa.
Ho indagato tutta la vita la natura dell’assoluto e ancora la scruto senza sosta: l’ho trovata in ogni accadere. Né in basso, né in alto, in ogni accadere, senza distinzione.
E’ accaduto pian piano: più divenivo irrilevante ai miei occhi, più la vita si svelava come assoluto che accade.

Print Friendly, PDF & Email
Sottoscrivi
Notificami
guest

2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti commenti
manish

ciao roberto,
ecco come mi arrivano le tue parole.

squarcio di faro
notte di mare
tra nebbia e rocce.

la parabola ruota
intravvedo il passaggio.

ridesta il mio sentire
e la voglia di un altro passo
è già storia
ed il nuovo
è il presente che accade.

elena

Queste meravigliose righe mi riportano a quanto mi succede in questi giorni. La settimana scorsa sono caduta nella disperazione, agganciata alla disperazione come una cozza. Lacrime che scorrevano. Continue conferme di quanto la vita sia implacabile, dura, cattiva. Ho pensato che così non andavo da nessuna parte. E (secondo me razionalmente) ho cercato di stare nel bello, nel sentire. E’ tornato il sorriso. La vita da dura durissima tragedia diventa semplicemente vita. Possiamo confrontarci su questo processo? Stare nel dolore aiuta a elaborarlo, ad andare verso l’essere liberi o stare nel dolore è tempo malato in pasto al nostro ego, ti aggancia e ti tira semplicemente giù per confermare un personaggino sofferente?

2
0
Vuoi commentare?x