Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Rientrare in sé

L’estate porta con sé una certa dispersione: secondo la sapienza antica l’autunno con le sue forze centripete entra il 20 agosto e, se osservate attentamente il vostro interiore, noterete come in questo periodo si stia già strutturando una certa disposizione all’introversione, un certo riallinearsi, un divenire più attenti alla propria intimità.
Per agevolare questo processo, che è naturale e deriva dall’influenza di forze cosmiche su di noi, possiamo semplicemente notare che sta accadendo: se la nostra attenzione è posata su di esso, la consapevolezza lo abbraccia e lo sostiene e quel processo di ritorno a sé diviene più rapido e incisivo.
Come sempre, non si tratta di fare chissà cosa, ma solo di essere consapevoli di ciò che già sta accadendo: da questo al sorgere dell’atteggiamento della meditazione e della contemplazione il passo è breve..

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *