Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La “Sala di Meditazione” via Dalmazia n° 21, Ancona
Primo ritiro intensivo in sede

Essere corpo, Essere Uno
Sabato 29 ottobre e domenica 30 ottobre 2011  (ore 16-19 e 10-13)
condotto da Daniela Pancioni.

“Chi sono io? Non sono il corpo grossolano, non sono i cinque organi di senso, non sono nemmeno la mente che pensa. Rimane soltanto quella Consapevolezza. Quello sono io” (Ramana Maharshi)
“La lucerna del tuo corpo è l’occhio. Se il tuo occhio è sano, anche il tuo corpo è tutto nella luce; ma se è malato, anche il tuo corpo è nelle tenebre”  (Vangelo di Luca)

Gli incontri, che si articoleranno in alcuni ritiri intensivi annuali, sono un invito a:
-entrare in uno spazio di ritiro silenzioso della nostra attenzione, dall’esterno al nostro essere profondo, attraverso il corpo e le nostre percezioni sensoriali che ci ancorano al momento presente;
-praticare l’abbandono  delle tensioni corporee e delle nostre identificazioni personali;
-utilizzare anche il suono come via d’accesso per cogliere intuitivamente l’essere che noi siamo;
-indagare sulla nostra vera identità e contemplare il cuore del nostro essere consapevolezza, sorgente di pace ed amore.

L’incontro è aperto a tutti.
Daniela Pancioni conduce gruppi di meditazione attraverso il corpo-movimento e il suono-canto accompagnato dalla shruti box. L’approccio trae ispirazione dal Movimento Autentico come pratica meditativa, dall’insegnamento del maestro spirituale Mooji nella tradizione dell’indagine sul Sé dell’Advaita Vedanta (Papaji, Ramana Maharshi), e dalla meditazione buddista Vipassana.
Gli interessati possono telefonare allo 071 2803716, lasciare i propri dati nella segreteria telefonica entro il 26 ottobre e saranno richiamati per ricevere  informazioni sul ritiro.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *