Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Fin quando tutto parla di noi?

Tutto parla di noi e ci svela, ma fino a quando?
Finché in ciò che viene scorgiamo un segno, un simbolo intelligibile.
Viene un momento in cui ciò che viene è muto: non svela se non ciò che è già stato svelato, non parla se non di ciò che è già stato udito.
Il parlare e l’agire degli altri sempre ci coglie e ci interroga ma, a volte, o ad un certo punto, quell’impatto è lieve e subito si smorza.
Quella lezione l’abbiamo appresa: una parola viene e va, un fatto si presenta e scompare, il messaggio non è più per noi.
Il postino passa, mostra le lettere ma non sono per noi.
Sempre il postino passa e la vita bussa, ma viene il giorno che non ci riguarda.
Fino ad allora tutto ci interrogava e ci inquietava, eravamo il centro di smistamento di tutta la posta, cantava il nostro ego.


Newsletter “Il Sentiero del mese”

 

PrintFriendly and PDF

Post con argomento simile

  • I nostri piccoli mondi Il cammino della trasformazione del sentire che chiamiamo vita, prende forma e si nutre di tutte le relazioni: da ciascuna riceve dati e possibilità di […]
  • La comunità, archetipo delle relazioni E' possibile leggere l'intero ambito delle relazioni umane come manifestazione articolata e piena del principio/archetipo comunitario. Che cos'è una comunità? L'ambiente nel quale […]
  • Portare il peso del limite dell’altro Ognuno ha i propri eroi, io ho questo piccolo uomo che porta a scuola sulle spalle, tutti i giorni, per 30 km il figlio disabile. Viviamo tutti in relazione e tutti abbiamo figli, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *