Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

La coppia 8: la relatività del rapporto

Nel tempo il rapporto si trasforma da assoluto in relativo; tutto, con il trascorrere delle esperienze, si trasforma da assoluto in relativo:
Il sacro fuoco diviene semplicemente un fuoco; l’altro, su cui avevamo confidato tanto, diviene semplicemente l’altro.
Certo, non un altro qualsiasi, non sto parlando di questo, ma non è più colei o colui che conferisce senso alla nostra vita: nell’innamoramento così ci era sembrato che fosse.
L’altro viene vissuto e percepito nella sua complessità e nel suo limite; noi impariamo a viverci nella nostra complessità e nel nostro limite: una quantità quasi infinita di cose cambiano diventando grandi, quando in noi matura uno sguardo adulto.
Il rapporto non è più il totem, diviene un fatto importante, fondante, ma un fatto.
Nel perdersi e ritrovarsi ciclico, nella fascinazione e nel rifiuto, nell’avvicinarsi e nel bisogno di distanza prende forma un rapporto non fondato sull’attaccamento e sulla dipendenza: come è evidente, attaccamento e dipendenza procedono assieme ma le molte sberle, quando non la comprensione spontanea, ci inducono al superamento di entrambe.
Per un po’ ci sembra di scollarci, di allontanarci e di perderci irrimediabilmente, poi cominciamo a comprendere che sta nascendo altro, qualcosa di molto importante; il rapporto sta germogliando in ciò che è, nella sua natura più profonda: le emozioni, gli affetti, il pensiero di noi sono relativi, limitati, transitori, in continua mutazione; ciò che dura, e pian piano si svela, è ciò che precede questi, l’esperienza esistenziale, la trasformazione del sentire, il cambiamento in profondità.
Il rapporto viene percepito allora come relativo dalla mente/identità, officina insostituibile dalla coscienza: se appoggiamo lo sguardo sulle valutazioni e sulle considerazioni della mente ci perderemo; se ascoltiamo il sentire che in noi svela il livello più profondo, entreremo nella vera natura dello stare insieme.

L’immagine è tratta da: http://goo.gl/oLUr5c


Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *