Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Sul 10.10.10 ed altro

“Allora ripiego, risiedo in quel luogo “che non posso lasciare incustodito” e da lì, appoggiando sul sentire di coscienza, provo ad indagare la realtà.
Ciò che trovo non è una risposta, né una domanda: trovo uno stare privo di domanda e di risposta, costituito di quell’arrendersi e affidarsi che sono il fondamento del percorso umano: quando smettiamo di porci le domande il nostro cammino finisce.”
Leggi il post intero su facebook

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *