Perché interpretare sé ed il proprio cammino esistenziale attenua il dolore?

Questa è la domanda di Alessandro nel commento al post di ieri.
Se io mi interpreto come vittima, uso cioè nella mia vita il modello interpretativo comune dove c’è il carnefice e la vittima, il giusto e l’ingiusto, il bene e il male, di fronte alle ingiustizie che mi sembra di subire reagirò con la protesta, la rabbia, il risentimento. 

continua..Perché interpretare sé ed il proprio cammino esistenziale attenua il dolore?

Drewermann, il mito, il simbolo, l’esperienza religiosa come processo interiore

Da: Drewermann: la rivoluzione del credente, di Aurelio Penna
Drewermann su Wiki

“I contenuti spirituali più importanti del Nuovo Testamento, dice Drewermann, ci giungono in una veste di miracolo, che non può reggere ad un esame storico, ma proprio per questo non sono transitori: “occorre restaurare dal di dentro la perduta consistenza esterna delle narrazioni bibliche”.

continua..Drewermann, il mito, il simbolo, l’esperienza religiosa come processo interiore

Quella scena è per me!

L’importanza di ricordare:
-Che quella scena, qualunque essa sia, è per me. Dalla coscienza generata e finalizzata ai suoi apprendimenti.
Nell’eterno presente la coscienza ‘visita’ i fotogrammi e li lega in un processo il cui unico scopo è l’ampliamento

continua..Quella scena è per me!

La paura di scomparire

– Scomparire come portatore di nome suona remoto, – dice Francesca.
Non solo remoto, a volte pauroso. L’identità paventa il proprio scomparire e, di necessità, ciascuno di noi attraverso questa paura deve passare.
La paura di scomparire, l’esperienza del deserto, due pietre miliari del cammino verso la libertà, entrambe conseguenza di reazioni dell’identità, della lettura/interpretazione di sé.

continua..La paura di scomparire