Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Cerchio Ifior, L’Uno e i molti, volume secondo, pagine 112-113

Le vibrazioni (si intendono quelle che emette la persona che conduce una certa situazione di “aiuto”), senza dubbio, hanno il compito di smuovere qualcosa all’interno degli individui affinché, seguendo la traccia di ciò che viene smosso, riescano a comprendere qualcosa di più di se stessi e quindi a modificarsi, ad aumentare il proprio sentire.
Tuttavia, non è una vibrazione che entra all’interno dell’individuo, quella che smuove, ma è la reazione delle vibrazione, che già esisteva all’interno dell’individuo, che risuona con quella con cui viene a contatto: un po’ come due diapason, uno vicino all’altro; la vibrazione di uno fa vibrare anche il diapason vicino con una vibrazione molto simile, se non addirittura uguale.
Non è, quindi, una vibrazione esterna che modifica o manda in crisi un individuo, ma una vibrazione interna che risuona e vibra sentendo questa vibrazione esterna che l’alimenta: la riconosce e quindi mette in moto questa vibrazione che già esisteva.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *