Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Di chi sono queste giornate?
Sono mie, sono tue?
O sono semplicemente questo accadere che giunge
e che ti sprofonda dentro?
Ti sprofonda fin nelle viscere e non hai difesa.
La Vita irrompe e non hai difesa, l’unica possibilità,
veramente l’unica,
è la resa.
Parli di libertà? Di quale libertà parli?
Qui non hai più scelta, devi solo arrenderti.
Resisti, ma Lei ti pressa, ti bracca,
a volte ti seduce.
C’è solo Lei e non puoi che sprofondare nell’inconsistenza.
Ti offre un quotidiano banale,
fatto di niente,
te lo offre e ti dice:
hai solo questo, non altro.
Non puoi nemmeno ribellarti, non hai alcuna forza per ribellarti.
Chi potrebbe ribellarsi?
Chi è quel chi? Questo ha fatto, nel suo proporsi e riproporsi,
feriale, scarna, priva di tutto,
ha finito per svuotarti di ogni pretesa e,
alla fine, ti ha svuotato anche di te.
Che ne è ora di te? Puoi porla questa domanda?
Oppure è assurdo solo proferirla, solo immaginarla?
Di fronte a Lei c’è ancora un te?

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *