Dietro al muro dei nostri bisogni

Gran parte delle nostre risorse e della nostra consapevolezza vengono assorbite dal pensare.
Nel corso delle nostre giornate siamo costantemente orientati al pensare e quando non è su questo che ci focalizziamo, allora siamo alla ricerca di sensazioni, di emozioni e di affetti.

Finché l’evoluzione del nostro sentire non lo permette, poco si può fare per correggere e superare questa disposizione così manchevole, così unilaterale, precaria, effimera, illusoria.
Nutriamo le nostre vite di niente, finché non ne siamo saturi, finché il sentire non sarà pronto ad estrarre dall’indifferenziato altre scene di altro senso.

Così è.
Il vasto mondo della presenza, della consapevolezza e della compassione, rimane occultato dietro al muro dei nostri bisogni: muro mille volte effimero, ma lo scopriremo sempre troppo tardi, sempre domani, quasi mai mentre viene eretto.


Il canale Telegram di Eremo dal silenzio: 
tutto ciò che viene pubblicato.

Letture per l’interiore: ogni giorno, una lettura spirituale breve del Cerchio Ifior e del Cerchio Firenze 77, su Whatsapp. 
(Solo lettura, non è possibile commentare) Per iscriversi

Eremo dal silenzio su Twitter

Politica della privacy di questo sito da consultare prima di commentare, o di iscriversi ai feed.


2 commenti su “Dietro al muro dei nostri bisogni”

  1. “…… lo scopriremo sempre troppo tardi”. Pur comprendendo la necessita’ di fare da pungolo ad un gregge pigro e maldestro, c;e’ un prendere atto che il passaggio dall’illusione del divenire, alla realta’ dell’Essere, non e’ accessibile a tutti allo stesso modo e nello stesso tempo. Ma mi chiedo, se il tempo e’ un’illusione e se l’Uno comprende il tutto, anche il non compreso, anche l’illusione del divenire, allora tutto questo non e’ inutile, non e’ perdere tempo. Non lo dico per adagiarmi, ma per dare un senso a quello che ora colgo della mia e altrui vita e dei limiti che la caratterizzano.

  2. “finché il sentire non sarà pronto ad estrarre dall’indifferenziato altre scene di altro senso.”
    Così è. Amen

Lascia un commento