Donami il pane duro

Tu che sei la mente che ho in uso,
il cuore che pulsa e scalda l’esperienza,
gli occhi che vedono,
le gambe che camminano,
la consapevolezza che scandaglia e discerne,
fammi dono ogni giorno del pane duro
affinché sia necessario il gesto del masticarlo,
del ruminarlo,
del lasciarlo trasformare dal tempo.
È nel tempo, in ogni attimo del processo dello scorrere,
che Tu sei, ti sveli come Ciò-che-è.
Vivere altro non è che contemplare la Tua presenza
in ogni fatto che sorge e scompare e che,
nel mentre accade, è Te nella forma possibile nel tempo.

 

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Sottoscrivi
Notificami
guest

11 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti commenti
Roberta G

Parole che mi arrivano dirette e ben comprensibili, e che condivido. Grazie!

alberta

La vita presenta sempre quel che e’ giusto in quel momento. Capirlo elimina la protesta

Catia Belacchi

E’ quando ci viene dato il pane duro che la nostra fiducia tentenna.
Dunque, che ci venga dato un po’ di pane duro, giorno per giorno, per imparare a masticarlo e non soccombere di fronte alla masticazione.

paolo Carnaroli

Arrendersi alla condizione esistenziale della “ruminatio”…

natascia

Chiedere il pane duro e non scansarlo! Fiduciosi che la Vita ci darà ciò che ci abbisogna.

Roberta I.

Grazie

Samuele Deias

Amen

Marco Dellisanti

La resa incondizionata.
Grazie

Alessandro B

Grazie!

Lorena

Vivere atro non è che contemplare la Tua presenza in ogni fatto che sorge e scompare e che nel mente accade e’ Te nella forma possibile del tempo. Questa frase rispecchia le comprensioni . Vorrei ricordarla nei momenti di protesta.

Nadia

Grazie

11
0
Vuoi commentare?x