Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Nulla rimane come l’hai conosciuto

Ogni punto di vista che hai conosciuto è destinato ad essere superato.
Ogni persona che frequenti, giorno dopo giorno ti appare in una nuova luce.
Ogni fatto del mondo svela senza fine il suo mistero e tutte le letture del passato vengono superate quando nei fatti vedi il volto delle coscienze che li generano.
Puoi agevolare questo processo od ostacolarlo, abbandonarti alla corrente del fiume, o tentare di afferrarti alle sue rive.
Il cammino interiore della conoscenza-consapevolezza-comprensione questo produce: il conosciuto diviene estraneo, l’ignoto familiare.
Un senso di straniamento ti assale: là dove il tuo prossimo cerca certezze, tu vedi morte. Nel vortice delle forze creative che spaventano e inquietano, vedi il disegno della vita che si dispiega.
Il compito di ogni giorno è rimanere fedeli al cammino: non coerenti, fedeli.
La coerenza è una continuità imposta dalla mente/identità e dalla sua visione; la fedeltà è il rimanere aderenti al processo senza il ricamo della illusione e della ignoranza.
Tutto scorre: le persone, i fatti, il tempo illusorio, le stagioni dell’esistere.
Solo la via rimane, la consapevolezza che tutto è conoscenza-consapevolezza-comprensione e il suo superamento.
Ma la via non è una certezza, è un processo mutevole, una consapevolezza senza fine, la caduta e il rialzarsi e il tentativo a volte semplice, altre faticoso, di mantenere la direzione.
Formidabile è la prospettiva che nulla rimane come l’abbiamo conosciuto, che attorno a noi tutto cambia perché noi cambiamo senza sosta e senza fine.


Se hai domande sulla vita, o sulla via, qui puoi porle.
Newsletter “Il Sentiero del mese”  |  Novità dal Sentiero contemplativo, community
Ricevi una notifica quando esce un nuovo post. Inserisci la tua mail:

 

 

Print Friendly, PDF & Email
  1. Aggiungerei per fortuna che è così!

  2. Si è vero ci rende profondamente liberi la libertà di cambiare sono stata accusata di essere non coerente ma io rispondo che le cose sono vere nel momento in cui lo dici poi tutto può cambiare rimanere fedele a tutti i costi a una situazione che non ti appartiene più non ha senso

  3. “La coerenza è una continuità imposta dalla mente/identità e dalla sua visione”, il darsi la possibilità di cambiare e di lasciare agli altri la possibilità di accusarci di non essere coerenti rende profondamente liberi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *