Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

 

 


Padre, Padre mio, io a volte guardo ciò che sono e non mi riconosco;
io a volte, Padre, mi chiedo se vivo o se muoio ogni giorno.
Padre, cosa mi puoi dire, cosa puoi dirmi per rendere la mia vita più semplice?
Per farmi capire se quello che vivo è vivere oppure è morire?
Quand’è, Padre, che io sono nato?
Viola

Figlio mio, non è come tu credi:
tu hai l’illusione, l’impressione di essere nato nel momento in cui,
per la prima volta, hai aperto gli occhi al mondo, ma non è così, figlio.
Se il tuo nascere fosse limitato soltanto al breve volgere di un’esistenza
la tua vita non avrebbe, in realtà, alcun senso, perché quale uomo,
per quanto evoluto egli possa essere, riesce davvero,
e soltanto nel breve volgere di un’esistenza, a cambiare il suo intimo,
fino a riunirsi a me?
Nessun uomo, figlio mio, può riuscire a tanto,
e perché tu vi riesca è necessario e indispensabile
che tu muoia ad ogni momento.
Ma fermati un attimo a guardare questo tuo morire.
Certamente, da un momento all’altro tu muori e non sei più lo stesso.
Certamente tra un intervallo e l’altro tra le tue vite, tu muori e cambi.
Ebbene, figlio mio, non fermarti soltanto ad osservare quest’aspetto
negativo della tua evoluzione perché – se è vero che tu muori in continuazione –
è altrettanto vero che io ti ho dato la possibilità di rinascere continuamente,
e se esiste in te un dolore che ti fa sentire la morte vicina,
che ti fa sentire il tuo essere impotente, indeciso e fragile,
è anche vero che l’attimo dopo, inevitabilmente, io metterò in te la speranza
che ti farà sentire nuova vita 
crescere dentro di te e rinascere,
ti farà sentire dentro di te il desiderio di dare agli altri, di creare, di costruire,
di fare,
perché soltanto in quel modo, figlio mio,
tu puoi continuare a sentire d’essere,
puoi continuare a sentire che vivi e che la tua vita non è limitata soltanto
a portare avanti i tuoi giorni nel modo meno peggiore possibile,
a sentire che tu vivi per creare in te e al di fuori di te ciò che io sono,
per tirare a galla dal tuo intimo essere ogni anelito che da me ti proviene;
perché tu, figlio, non soltanto vivi, non soltanto continui a nascere, a morire,
a rinascere e a rimorire tra una vita e l’altra,
tra un secondo e l’altro della tua esistenza,
ma anche, continuamente, fai morire e fai vivere tutto ciò che ti circonda,
contribuendo con la tua morte e con la tua vita non soltanto alla tua evoluzione,
non soltanto alla tua spinta verso di me, ma all’evoluzione di tutto il Creato.
Figlio mio, nascere non vuol dire gioire sempre,
morire non vuol dire soffrire sempre,
ma nascere e morire sono due estremi che in realtà combaciano
e sono una cosa sola, 
e chi ha la fortuna di far nascere qualche cosa,
molte volte deve avere il coraggio di far morire qualche cosa in sé,
per poter controbilanciare ciò che crea.
Figlio mio, per nascere in me,
devi morire in te.
Scifo


 

 


Padre, Padre mio, io voglio rivolgermi a te
perché credo che tu soltanto possa riuscire a comprendere
quello che io in questo momento sto vivendo, sto provando.
Padre mio, io sento che la vita si allontana da me,
io sento le mie energie spegnersi,
io sento le mie forze diventare sempre più deboli,
io sento le membra non reagire quasi più.
La vita mi vuole abbandonare, Padre mio,
e vedo la morte che mi sta venendo incontro
ed ha puntato su di me i suoi freddi occhi.
Tutto questo mi fa paura e,
sebbene da tempo io segua il tuo insegnamento, Padre mio,
sebbene da tempo faccia questo,
non riesco
a darmi una ragione di questo fatto.
Non so per quale ragione la vita voglia abbandonarmi,
non so neanche come mi
abbandonerà:
forse perché sta crescendo in me qualcosa di abnorme,
forse perché una sera chiuderò gli occhi per non riaprirli mai più,
forse perché mi capiterà qualcosa di imprevisto e di imprevedibile,
comunque sono certo e sicuro che la vita si sta allontanando da me.
Una morte prematura la mia, una morte che lascerà degli affetti sconsolati,
che lascerà le persone che hanno vissuto con me e per me
nella più profonda disperazione.
Io mi rivolgo a te, Padre mio,
chiedendoti di darmi in questo momento delle ragioni valide
perché io possa credere che al di là di
questo fatto,
al di là della mia sparizione dal mondo fisico, esista veramente qualcosa,
affinché io possa continuare a vivere, a vedere se non altro i miei cari,
che io possa continuare a seguirli.
Padre mio, ti prego, aiutami, dammi una ragione di questo mio morire!
Federico

Fratello, figlio e amico, a te sto parlando,
a te che mi hai chiamato con il pianto in gola,
a te che mi hai implorato, che mi hai domandato aiuto,
che hai chiesto, sentendo avvicinare l’ora che per tutti gli esseri incarnati,
prima
o poi, arriva.
Ma che posso fare io per te, creatura,
che posso fare di più di quanto l’esistenza stessa ha già fatto?
Io non posso, figlio mio, io non posso, fratello mio, convincerti
– se tu non vuoi – che la tua vita non finisce in un momento e per sempre;
e non posso figlio mio, non posso fratello mio renderti consapevole che,
oltre al mondo fisico che tu osservi, vi è qualcosa di talmente immenso
che tu neppure riesci a immaginare.
Eppure, anche se inconsapevolmente, tutto questo è dentro di te;
tutto questo, se tu vuoi, figlio mio, fratello mio, puoi riuscire a 
raggiungerlo,
a comprenderlo, a toccarlo, e nel momento stesso in cui tu riuscirai a fare ciò,
le tue paure svaniranno, il tuo timore
diventerà pace,
e non avrai più bisogno di piangere e di soffrire, di chiedere aiuto,
e il momento del «passaggio» sarà un attimo che non lascerà tracce.
Figlio mio, fratello mio, non posso far nulla di più di ciò che tu, se vuoi,
puoi fare per te stesso.
Tutto quello che posso ancora una volta dirti,
tutto quello che posso ancora una volta ricordarti,
è che non serve a nulla disperarsi, che non serve a nulla perdere la fiducia,
la fede, la speranza, che non serve ad altro che a rendere i tuoi ultimi giorni
più tristi
e peggiori, sia per te che per coloro che ti circondano.
Cerca, quindi, di trovare in te la fiducia:
cerca, quindi, di trovare in te la certezza che ciò che stai vivendo
è soltanto un attimo senza poi una grande importanza;
cerca di convincerti che è molto meglio abbandonare il piano fisico
nella speranza che nella disperazione;
fa questo figlio mio, fratello mio, non soltanto per te,
ma principalmente per amore di coloro che ti stanno accanto
e che come te, quanto te – e, forse, anche più di te – soffrono,
si disperano e piangono.
Se riuscirai in questo, figlio mio, se riuscirai, fratello mio,
non avrai bisogno di null’altro per chiudere gli occhi e sognare.
 
Scifo


 

 


«E già – dice colui che soffre – parole belle, parole sante e verissime, forse!
Ciò non toglie che parli e, intanto, non soffri.
Io, invece, conduco la mia vita e soffro in continuazione.
Avrai anche ragione a dire quello che dici,
però quando sei all’interno della sofferenza,
quando la sofferenza la vivi in prima persona non è poi così facile pensare
agli insegnamenti e dire «tanto è il mio Io che soffre e buona notte al secchio!».
Se, infatti, io osservo la vita che sto vivendo, vedo che la sofferenza,
il dolore costellano ogni attimo delle mie giornate,
non sono una cosa passeggera che dura un istante,
che dura un giorno, una settimana, o un mese;
fosse così sarebbe anche facile, in fondo, non lamentarsi e sopportare,
per quel breve periodo di tempo.
In realtà, la sofferenza è come una goccia che cade in continuazione
e intanto approfondisce le ferite, impedendo che si rimargino,
questo, almeno, dal mio punto di vista.
Mi guardo intorno, guardo la televisione, leggo i giornali,
osservo la società
così com’è strutturata e, inevitabilmente,
mi ritrovo davanti la sofferenza, sofferenza che
è magari degli altri
ma che si ripercuote inevitabilmente anche al mio interno:
soffro per le persone morte in un terremoto,
soffro per le persone assassinate, rapite, sequestrate,
soffro per i vecchi abbandonati, per i malati, per le persone
che hanno perso dei figli o dei compagni o dei genitori,
soffro per la gente povera che viene alla fin fine persino derisa
da chi ha di più,
soffro per l’ingiustizia che vedo continuamente intorno a me,
per coloro che tutto hanno e coloro che, invece,
non riescono ad avere nulla e, purtroppo, questa
sofferenza
non mi riesce proprio di superarla.
E allora le tue belle parole a che cosa mi servono a questo punto,
cosa me ne faccio, che senso hanno per me?».
Scifo

Senza dubbio, figlio che ti trovi incarnato e vivi la sofferenza,
posso comprendere come il fatto di soffrire ti renda così difficile
accettare ciò che vedi intorno a te.
Tuttavia – lo ripeto ancora – la sofferenza ha la funzione di spronarti
e non di limitarti a brontolare o a fare del vittimismo,
di aiutarti a fare qualcosa di attivo,
di fattivo affinché le cause di questa tua sofferenza, un po’ alla volta,
si leniscano, in modo che tu ti senta in una posizione costruttiva,
e non in quella di chi subisce senza nulla poter fare.
Tu parlavi della sofferenza che provi per essere inserito
in una società che ti comunica soltanto sensazioni di dolore.
Bene, figlio, l’errore principale che tu commetti è quello di aspettare
che siano gli altri
a fare qualcosa; 
di aspettare che sia lo Stato ad aiutare la gente;
di aspettare che siano gli uomini politici a fare le leggi;
di aspettare che siano gli uomini della religione a consolare;
di aspettare, insomma, che gli «altri» facciano qualcosa
per alleviare la sofferenza.
Ma pensa bene, figlio mio:
chi ti dice che, in realtà, gli altri che con te sono incarnati
non stiano a loro volta aspettando che sia tu o
altri a loro esterni
a fare ciò che tu aspetti che essi facciano?
E questo diventa, alla fine, la vera causa del male all’interno della società;
se, infatti, tu stesso, in prima persona,
incominciassi ad
osservare le leggi che ritieni giuste,
se incominciassi a tendere la mano appena vedi qualcuno che ne ha bisogno,
se incominciassi a consolare quando vedi una persona piangere,
se incominciassi a dare – quanto meno – ciò che possiedi di superfluo
e che ad altri manca,
chissà quante altre persone, mosse dal tuo esempio e comprendendo
qual è la via giusta, seguirebbero, magari, ciò che tu fai?
E questo, inevitabilmente, si ripercuoterebbe poi nella società e, prima o poi,
te lo garantisco, la renderebbe diversa da quella che è.
E’ facile, infatti, lamentarsi di ciò che si sta vivendo, crogiolarsi nel dolore,
nelle parole, nel vittimismo aspettando che siano gli altri a fare qualcosa
perché il dolore venga annullato o, quanto meno, lenito.
Moti


 

 


Padre mio, io vivo nel mondo che tu hai creato,
trascorro i miei giorni a contatto con le
altre creature
che Tu hai messo accanto a me, e vedo di continuo,
con una tremenda continuità, il succedersi di avvenimenti violenti,
come se le migliaia di anni di storia dell’uomo non fossero serviti a nulla,
e questo mi fa arrivare a dubitare non soltanto del fatto che Tu, davvero,
sia all’interno di ognuno di noi,
non soltanto che Tu sia all’interno della
nostra coscienza
ma addirittura che Tu esista.
Moti

Figlio mio, ti ringrazio per le tue parole,
perché con le tue parole tu dimostri a te stesso prima ancora che a me,
che stai osservando nel tuo intimo la realtà,
ed osservare nel proprio intimo la realtà significa cercare di arrivare,
piano piano, poco alla volta, a raggiungermi.
Ed io ti sto aspettando, figlio mio,
non ho
voltato lo sguardo da un’altra parte anche se,
osservando gli avvenimenti nel mondo fisico, così potrebbe anche sembrare.
Come spiegare a te, figlio mio,
a te che sei immerso nella relatività, nell’illusione, che
il male non esiste?
E’ difficile quanto riuscire a farti comprendere che non esiste neppure il bene.
Quello che esiste sei tu.
Quello che esiste sono gli altri tuoi fratelli,
che compiono il loro percorso evolutivo,
illusione anch’esso, ahimè!
Quelli che esistono sono i Cosmi che popolano le notti.
Quelle che esistono sono tutte le realtà che tu neppure riesci a percepire.
Quello che esiste veramente sono Io, sei tu.
Ma dove sta poi veramente la differenza, figlio mio?
E se ognuno dei fratelli che ti sta accanto è come te,
se essi sono tanti ed ognuno di essi ha in sé diverse pulsioni,
diversi problemi, diverse motivazioni, diversi modi di agire,
diverso modo di sentirsi emozionati,
diverso modo di soffrire o di gioire, allora,
tu forse potresti renderti conto che parlare di bene o di male,
di gioia e di sofferenza non ha alcun senso,
poiché tutto alla fine arriva ad un
pareggio per creare l’Unica Verità,
che non è bene né male,
ma semplicemente,
e così incomprensibilmente per te, E’.
Scifo


 

 


Padre mio, io guardo il mondo intorno a me e non mi riconosco in esso;
vedo dovunque nel mondo bimbi che soffrono la fame,
bimbi che vengono sballottati in famiglie distrutte
in 
cui di tutto ci si ricorda fuori di ciò che è la priorità,
ovvero la responsabilità verso queste piccole creature;
vedo ovunque accendersi focolai di guerra con decine e decine di morti
nel nome, teoricamente, di conflitti magari religiosi
ma, in realtà, sotto l’egida dell’interesse;
vedo dovunque produrre alimenti con sostanze che si sa benissimo
essere dannose al fisico dell’uomo eppure continuamente
usate
perché ciò abbassa i costi e aumenta la produttività;
vedo individui che vivono in case simili ad alveari,
con centinaia e centinaia di persone eppure, in mezzo a quella
folla
che condivide con lui una ristretta porzione di territorio,
egli continua ad essere
solo e a non avere alcuna comunicazione reale
con tutte queste altre persone che gli stanno attorno,
sì che la solitudine finisce con l’essere una delle componenti principali
della sua esistenza.
Padre mio, se veramente Tu esisti,
è mai
possibile che questo sia il mondo che Tu hai creato?
Dovresti essere buono, giusto, dovresti saper donare il sorriso
là dove si tende a piangere,
dovresti saper dissetare là dove si ha sete
e calmare i morsi della fame quando la fame si fa insistente,
dovresti accarezzare la guancia di un bambino
quando nessun
altro riesce a farlo.
Padre mio, ma è davvero questo il mondo che Tu hai creato?
Moti

Figlio, ciò che io ho creato è quello che tu possiedi
nella parte più intima di te stesso,
è quell’amore che ti spinge ad osservare intorno a te e a vedere
tutte le brutture che riconosci esistere nel mondo in cui stai vivendo.
Esse sono state create, discendono dagli errori che nel corso di tutte le tue vite
tu hai compiuto, tu e tutti gli altri fratelli,
quindi ricorda che se c’è un bimbo che piange perché ha fame,
o perché non ha affetto, è perché sei tu che non hai creato le condizioni
perché egli possa mangiare e sentirsi amato;
se vi sono cannoni che sparano nel nome di una religione,
o di religioni che non mi appartengono – perché io non voglio essere adorato –
questi cannoni sparano perché tu hai contribuito nel corso delle tue vite
a far sì che i cannoni venissero costruiti;
se esistono uomini che, pur vivendo in mezzo alla folla,
vivono in una condizione di solitudine e di infelicità,
ricorda che questi uomini sono soli e infelici perché la società
che tu hai contribuito a creare ha fatto della solitudine e dell’infelicità
uno degli assi portanti dell’indifferenza che governa l’agire dell’uomo contemporaneo;
e se non ti va bene, se tutto ciò che accade non ti va bene, allora,
più che guardarti intorno, e lamentarti,
e cercare magari di dare la colpa a me,
guardati allo specchio e chiediti:
cosa sto facendo io, nel mio piccolo, per cambiare tutto ciò che mi sembra sbagliato?
Certo, non potrai impedire una guerra,
non potrai impedire che alimenti nocivi vengano portati sulle mense degli uomini,
ma puoi comunque sempre accarezzare al mio posto la gota di un bimbo
che ha bisogno di sentirsi amato,
o rivolgere una parola di conforto, di condivisione,
di partecipazione
all’uomo che, accanto a te, si sente solo e infelice.
Scifo


 

 


Padre mio,
da te mi è arrivato l’insegnamento «Ama gli altri come te stesso»;
com’è difficile farlo, Padre mio!
Com’è difficile, dal momento che difficilmente io riesco ad amare me stesso!
Se io fossi contento di me,
riuscirei certamente a guardare con occhi diversi coloro che mi stanno attorno;
se io fossi felice, certamente riuscirei più facilmente a dare felicità agli altri;
se io fossi convinto fino in fondo della Tua esistenza,
come potrei non far partecipi gli altri di questa mia convinzione!
Padre mio, come posso fare per amare veramente gli altri come me stesso?
Moti

Figlio mio, per amare veramente gli altri come te stesso
devi, giustamente, riuscire
ad amare prima di tutto te stesso!
E tu mi chiedi: «Come posso amarmi, se io mi vedo meschino,
egoista, distante, disinteressato, pronto a prendere, poco disposto a dare;
se in me vedo di volta in volta tutti i possibili difetti immaginabili?».
C’è una sola via, figlio mio, perché tu possa amare te stesso
pur continuando a guardare nelle tue profondità:
questo modo è osservare tutti i tuoi possibili immaginabili difetti,
esserne consapevole ed accettarli;
ma «accettarli» non significa dire semplicemente «io sono così»
e girare l’attenzione da un’altra parte,
significa invece essere consapevoli di essere in una certa maniera
ed operare nel corso della giornata per trasformare il proprio modo di essere.
Questo significa «amare se stessi»;
ovvero non restare immobili in ciò che si è,
ma agganciarsi al treno del proprio movimento
e mutare di volta in volta col mutare della propria interiorità;
non restare attaccati a ciò che si era ieri,
ma vivendo sul momento quello che si è nell’attimo
in cui ci si sta osservando;
ed essere consapevoli che il momento dopo si sarà diversi,
e che questa non è una colpa per cui ci si debba macerare o affliggere,
o piangere, o sentirsi diseredati, abbandonati o rifiutati,
ma è, invece, un motivo di consolazione e di sprone
perché significa che il cammino va sempre avanti
e che ciò che
adesso ci appartiene domani sarà superato e migliore;
e nel momento in cui sarà superato voi potrete veramente amare voi stessi,
e amare se stessi significa amare gli altri.
Scifo


 

 


Padre mio, guardo il mattino nascere dietro i monti,
il cielo che si rischiara,
l’aria fredda della notte che lentamente si intiepidisce,
ed ecco che mi prende un’emozione improvvisa:
sento che tutto mi parla di Te.
E vivo la mia giornata, una giornata come tante,
con le mie speranze, le mie delusioni,
le mie illusioni, i miei trasporti,
e la sera, guardando l’orizzonte al di là del mare,
vedo il sole che si tuffa nelle acque in un tripudio di colori
dalle mille sfumature accese;
e in quel momento penso che davvero
tutto mi parla di te.
Anonimo

Figlio mio, sono pochi i momenti in cui tutto ti parla di me!
Se tu sapessi veramente cercare,
se tu sapessi veramente muovere la tua attenzione verso 
ciò che Io Sono,
anche la donna che all’angolo della strada vende il suo corpo ti parlerebbe
di me,
anche il drogato che in un vicolo oscuro si cerca la vena per compiere il suo destino,
anch’egli ti parlerebbe di me.
Se tu guardassi le tue mani,
ogni più piccola
linea del palmo di esse ti parlerebbe di me,
perché io non sono, figlio mio, soltanto nelle cose belle,
Io sono il Tutto che in Tutto esiste,
Io sono Colui che E’ e tutto, veramente tutto, figlio mio,
ti può parlare di me.
Anonimo


 

 


Dio mio, io Ti cerco, ma qualche cosa in me,
fa sì che io non Ti riconosca.
Eppure la mia ricerca continua, non mi fermo un attimo,
ed anche quando non me ne rendo conto,
i miei occhi si posano intorno al mondo cercando
in esso i segni della Tua presenza.
Dio mio, com’è possibile – a volte mi chiedo –
continuare a cercarTi, presumendo che Tu
esista 
quando vedo intorno a me tante cose che potrebbero farmi pensare
e credere che la 
Tua esistenza sia simile all’esistenza di quella chimera
che c’era e non c’era, che tutti cercavano e nessuno mai trovava,
e che si rivelava, alla fine, essere soltanto un miraggio, 
un’illusione?
Eppure, Dio mio, io continuo, malgrado tutto e contro tutto,
anche contro me stesso, a volte, a cercarTi.
Com’è possibile questo, Padre?
Che senso ha questa mia ricerca,
se ogni logica, ogni ragione, ogni pensiero,
ogni sentimento mi dovrebbero invece
portare
a diventare completamente ateo?
Anonimo

Figlio mio, mio piccolo dolce figlio che ti senti abbandonato,
abbandonato a te stesso e perso in un mondo che sembra non appartenerti.
Figlio mio che ti chiedi il perché di questa tua affannosa,
ansiosa ricerca che sembra già fallita in partenza.
Figlio mio che ti chiedi come mai continui a ricercarmi malgrado tutto;
il fatto è, figlio, che la ricerca è qualche cosa che ti appartiene così intimamente,
così intimamente legata a te che non potrai mai scioglierti da essa;
e come potrebbe d’altra parte essere diversamente, figlio, se Io sono in te,
se Io sono al tuo interno e se tu appartieni a me,
se Io costituisco te e tutti gli altri fratelli che con te vivono
nel mondo che vi circonda?
Fermati un attimo figlio, chiudi gli occhi,
lascia per qualche secondo fuori della tua mente
e da te stesso gli avvenimenti che ti circondano,
cerca di ascoltare non il silenzio ma quella vibrazione che in te giace,
e che pure, pur essendo nascosta nel tuo intimo sentire,
vibra in maniera tale da condizionare tutto il tuo essere.
Ascolta quella dolcezza che senti venire dentro di te
nei momenti in cui meno te lo aspetti,
ascolta quel desiderio che ti prende, in alcuni momenti,
di porgere la mano all’altro;
odi le lacrime che sgorgano dai tuoi occhi
per un momento di felicità inaspettata.
Renditi conto che tutte queste piccole cose, sono per te,
per la tua ricerca, gli effetti di quella vibrazione che dentro di te
si muove e cerca di spingerti a trovare ciò che sei davvero.
Perché solo allora, figlio, soltanto allorché tu scoprirai ciò che sei
veramente dopo esserti
tolto tutte le maschere
che celano il tuo vero essere,
soltanto allora scoprirai che la tua
fede esisteva e che era riposta in te,
e che,
essendo riposta in te, amato figlio, ti parlava di me,
di me che sono nascosto nel tuo profondo
così come nel profondo di ogni essere,
attraverso a quella piccola scintilla che di me fa parte,
e che ti unisce come essenza a tutti gli altri tuoi fratelli.
Cercami, figlio, continua a cercarmi
e senza dubbio verrà il giorno,
giorno verrà che tu mi troverai.
Pace.
Anonimo


 

 


Padre mio, osservando la mia immagine di Te
che vado formando al mio interno, 
mi accorgo che i tuoi contorni si fanno sempre più indecifrabili,
sempre più vaghi, sempre più incomprensibili e questo mi spaventa
e sbilancia la mia mente che pensava che più elementi avesse raccolto
su di Te,
più Ti avrebbe conosciuto.
Forse non ho capito nulla,
forse mi sto dibattendo in una ragnatela nella quale, a ogni mio sussulto,
resto più prigioniero che mai?
Florian

Figlio mio, quello che tu hai fatto è già un grande passo avanti:
hai superato l’immagine che ti era stata posta di me
e non sono più, ai tuoi occhi, il Dio vendicatore,
il Dio capriccioso e volubile, il Dio che dona la salvezza
o la dannazione eterna, il Dio che lotta contro Satana,
quella specie di Dottor Jeckill e Mister Hide che le mille
e mille religioni mi hanno costruito addosso.
Tu hai capito che Io Sono il Tutto,
e che in me Tutto è racchiuso,
la gioia e il dolore, il perdono e il castigo, l’amore e l’odio
ma non perché io sono ora l’uno o l’altro dei due estremi,
bensì perché tutte le cose che vivete come divenire mi appartengono,
parti mutevoli di un Essere immutabile poiché tutto comprende.
Comprendo, e come potrei non farlo poiché sei una mia parte,
la tua sofferenza e la tua confusione e l’accetto come un segno
della tua trasformazione, quella trasformazione che ti porterà
inevitabilmente a riunirti dolcemente e consapevolmente a me.
Cosa posso dirti, figlio mio,
per rendere
meno turbato questo tuo travaglio interiore,
senza crearti ulteriori catene?
Tu pensavi di potermi conoscere conoscendo i miei aspetti
ma non hai la possibilità di definirmi,
poiché non vi è nulla che non sia un mio aspetto e,
di fronte all’immensità di questo nulla,
la tua mente non può che vacillare.
Osserva ciò che sta intorno a te prima ad occhi aperti
e poi ad occhi chiusi: ciò che vedevi ad occhi aperti è parte di me,
ciò che non vedi allorché chiudi gli occhi è sempre
e comunque una parte di me, ancora maggiore dell’altra
e sconosciuta e inconoscibile dai tuoi sensi e dalla tua mente,
tanto che, in
verità, è impossibile esprimerla a parole.
Che fare, allora?
Gettarti a capofitto nella vita aggiungendo piccole tessere
al mosaico della mia immagine?
Accontentarti di sapere che esisto
e accettare 
la sconosciuta realtà che vibra al di là
delle tue palpebre chiuse?
Getta via la mente, figlio mio,
getta via le
parole, getta via le idee, getta via i colori,
getta via i pensieri, tutti così inadeguati e «sentimi», figlio mio,
con quel sentire che,
solo, ti può far essere abbastanza vicino a me
da riconoscermi.
E poi? E poi, nel momento in cui mi avrai riconosciuto,
con una forza che va al di là della certezza della mia esistenza,
riprendi la tua mente, le tue parole, le tue idee, i colori,
i pensieri
e vivi la tua vita consapevole che qualsiasi sofferenza, qualsiasi dolore,
qualsiasi tormento tu stia attraversando non può essere che un necessario,
importante, insostituibile eppur piccolo granello di sabbia sulla spiaggia
che il mio mare lambisce e, poco a poco, sommerge rendendo eterne
le parole «ti amo» che avevo scritto su di essa e che ti erano sembrate
così effimere prima di comprendere che restavano scritte nello stesso mare
che sembrava averle cancellate.
Ti amo, figlio.
Moti


 

 


Padre nostro, io cerco in me stesso la certezza della tua esistenza
perché sento dentro di me che qualcosa deve esistere nella Realtà,
nella Realtà con la «r» maiuscola che va al di là 
di ciò che io sono,
di ciò che io vivo, di ciò che io spero, di ciò che io architetto,
di ciò
che io conduco nella mia quotidianità.
E questa mia ricerca, questa mia convinzione della Tua esistenza
si fa più forte, più urgente, più necessaria, più disperatamente necessaria
nel momento stesso in cui io affronto la sofferenza perché, Padre mio,
soffrire non è mai facile e, a ogni nuova sofferenza,
questa sembra più grande, anche se magari così
non è;
e ad ogni nuova sofferenza cerco di ritirarmi in me stesso
o di allontanarmi per non affrontarla;
ed è qua, Padre mio,
che io ho bisogno di sentire di credere nella Tua esistenza,
perché soltanto allorché veramente riuscirò a fissare dentro di me questa sicurezza,
soltanto allorché io riuscirò a convincermi pienamente, fino in fondo, della Tua Realtà,
soltanto allora sarò veramente consapevole, senza che le mie siano soltanto parole,
che ciò che accade non può che accadere per il mio bene;
e allorché la sofferenza mi farà soffrire di meno, anche i momenti di dolore
saranno
visti sotto un’altra prospettiva che me li farà accettare,
e accettarli invece che lottare contro di essi farà già sì che essi
siano meno difficili da superare.
Padre mio, io spero di riuscire veramente a sentire la Tua presenza dentro di me.
Anonimo

E a te, a te, figlio, che mi chiedi nel silenzio e nell’oscurità
com’è possibile rendere migliore il mondo in cui ti trovi
a condurre avanti la tua esistenza;
a te, figlio, non posso dire altro che questo accadrà
quando tu diventerai
bastone per lo zoppo,
vista per chi è cieco,
suono per chi è sordo,
parola per chi è muto,
sorriso per chi piange,
allegria per chi è triste,
amore per chi odia.
Allora il mondo, figlio mio, cambierà.
Moti


 

 


La mia vita è un continuo avvicendarsi di esperienze ed io, Padre mio,
mi rivolgo e mi sono rivolto spesso in passato per chiedere,
per tendere la mano verso di Te nell’attesa che Tu la stringa
e mi dia ciò che Ti chiedo.
Ma cosa posso chiederTi ancora che non t’abbia già chiesto?
Troppe volte ho implorato il Tuo aiuto e, anche se non me ne sono
accorto,
me l’hai dato.
Quante volte t’ho chiesto di farmi avere un atto d’amore e,
anche se magari ho girato la testa dall’altra parte
perché non era quell’amore che io volevo,
l’atto d’amore
l’ho avuto.
Quante volte t’ho chiesto di farmi diventare ricco
e non mi sono accorto che più ricco di come sono, in realtà,
non potevi farmi.
Quante volte Ti ho chiesto, Padre mio, di alleviarmi le sofferenze,
senza rendermi conto che queste sofferenze erano tali soltanto perché
io volevo che tali fossero e che sarebbe stato così facile, se l’avessi voluto,
essere un individuo che non soffriva più.
Tutto ormai t’ho chiesto in questi lunghi anni delle mie vite ma,
se proprio volessi ancora trovare qualcosa da chiederTi, Padre mio,
ve n’è una sola che sento premere in me e che desidero
con tutto il cuore chiederTi:
Ti prego, Padre mio, comunque sia, sempre, in ogni attimo delle vite
che ancora vivrò e ancora oltre, per tutta l’eternità,
fino a quando io non riuscirò ad abbeverarmi alla Tua Fonte,
non smettere mai di amarmi.
Scifo

Figlio mio, figlio mio amatissimo,
è con un certo compiacimento che ti osservo nel tuo cammino
allorché tu incontri le tue prime conquiste, le soluzioni ai tuoi problemi,
le
risposte ai perché che possono tormentarti.
E’ con una punta di rammarico che ti osservo nel corso del tuo cammino
allorché le paure, le ansie, i timori, il dolore sembrano frenarti, bloccarti,
inibirti nel tuo stesso cammino verso la comprensione.
E’ con immensa gioia, invece, che t’osservo quando non solo tu riesci
a darti una ragione della sofferenza che ti si è abbattuta addosso,
ma quando riesci ad intravedere il motivo,
a intravvederne la collocazione nel Grande Disegno che,
come tu nel tuo essere più
profondo sai, ci rende uguali.
Ti amo, figlio mio amatissimo,
ti amo e che la pace sia con te.
Pace.
Viola


 

 


Io vorrei poter non lavorare.
Io vorrei essere ricco.
Io vorrei avere a portata di mano tutti i libri di questo mondo
per potermi catapultare tra quelle pagine e assorbire
tutta la conoscenza possibile.
Io vorrei che il mondo fosse fatto di cioccolata
e che le nuvole nel cielo facessero cadere gocce di panna.
Io vorrei che nel mondo non ci fosse più fame,
che tutti avessero da mangiare,
che non ci fossero bambini smagriti,
che non ci fossero anziani ammalati,
che non ci fossero donne seviziate,
che non ci fossero animali abbandonati,
che non ci fossero figli dimenticati,
che non ci fossero genitori tristi,
che non ci fossero malattie,
che non ci fossero dolori,
che non ci fossero rimpianti,
che non ci fosse tristezza,
che non ci fosse.
Sia fatta la Tua volontà e non la mia,
Padre mio.
Anonimo

Tu vorresti che non ci fosse più sofferenza,
tu vorresti che non ci fosse più dolore,
tu vorresti che non ci fossero più bambini abbandonati
o maltrattati,
o costretti a lavorare,
tu vorresti che non ci fossero più animali abbandonati
lungo le autostrade,
tu vorresti che non ci fossero più persone anziane
lasciate a loro stesse senza possibilità
di sussistenza,
tu vorresti che nessuno si ammalasse più,
tu vorresti che il tuo fisico riuscisse a sopportare qualunque
cosa la tua golosità ti inducesse a mangiare, e poi dici:
«Sia fatta la tua volontà e non la mia»?!
Figlio mio, se tu davvero pensassi e sentissi
che è la mia volontà che deve essere fatta e non la tua,
ti renderesti conto che i tuoi desideri
– per quanto giusti nella loro essenza –
nascono da tuoi errori interiori,
poiché come puoi sapere tu quant’è giusto che accada
ciò che tu vorresti non accadesse più?
Come puoi sapere, tu, quanta evoluzione, da quelle esperienze,
le persone che tu vedi soffrire possono ricavare?
Come puoi pensare di sapere, tu, qual è il cammino giusto
per ogni mia creatura che
io ho posto nella Realtà?
Non è possibile, figlio mio, ed è per questo che concordo con te
nel dire: 
Sia fatta la mia volontà e non la tua!
Scifo


 

 


Padre mio, ho visto, ho visto, ho visto una principessa schiantarsi
con un’automobile e ho visto questa principessa diventare il cibo
per avvoltoi mai sazi e sempre pronti a strappare fino all’ultimo pezzo
di carne pur di appagare se stessi.
Ho visto, ho visto trecento persone – un intero villaggio – sgozzate,
e passate praticamente sotto silenzio alla coscienza di tutte le persone,
nell’indifferenza pressoché totale al di là dello scalpore
della notizia del momento sul telegiornale.
Ho visto, ho visto, ho visto, ho visto i funerali di una suora:
«la madre dei poveri», e i poveri tenuti lontano dal suo funerale
con cordoni di polizia, e persone importanti che mestamente seguivano
le spoglie mortali di una persona che non conosco ma, certamente,
per avere funerali così, doveva essere importante!
Chissà. Ho visto uomini politici che parlano,
parlano, parlano, parlano, parlano e non si ricordano che sono lì,
invece, per fare, per
fare, per fare.
Ho visto capi religiosi, sempre! dappertutto, in tutti i luoghi della Terra,
quasi come se viaggiare fosse il loro hobby preferito, e mi chiedo,
Padre mio: «Ma com’è possibile che
il mondo sia fatto di persone
con una tal
coscienza?».
Me lo chiedo e non riesco a trovare alcuna spiegazione a tutto questo.
Scifo

Figlio mio, per poter criticare qualunque altro tuo fratello è necessario,
quantomeno, che tu – prima di tutto – sia in pace con la tua coscienza.
Se nulla hai da rimproverarti, se nulla hai da nascondere agli altri,
se nulla hai che gli altri ti possono imputare, allora sì, forse,
che hai un piccolissimo diritto di puntare il dito su ciò che ti sembra
sbagliato, altrimenti taci,
osserva te stesso e ricorda che comunque
ognuna di quelle persone che tu hai citato è un essere umano
e ha i suoi bisogni, i suoi perché, le sue necessità,
che certamente non rendono meno errati i suoi comportamenti
ma tuttavia ti devono mettere in grado di far sì che tu, proprio tu intanto,
in prima persona, non faccia gli stessi errori che imputi agli altri;
e in quel momento, figlio mio, non troverai più nulla da ridire contro nessuno.
Moti


 

 


Quante volte mi sono trovato di fronte ad un Maestro,
e a lui ho rivolto le mie preghiere,
talvolta sono state esaudite, talaltra sono cadute nel nulla,
ed allora tu, Maestro, che ora in questo momento di questa vita
mi stai davanti dimmi, ti prego, qual è il modo migliore
affinché io ti rivolga le mie preghiere.
Baba

Figlio mio, le tue preghiere non hanno, in fondo, alcun significato,
perché vedi, mio caro, tutto ciò che io posso fare per te,
tutto ciò che io posso darti,
io te lo darei comunque senza bisogno che tu me lo chieda,
e la tua preghiera invece è soltanto una speranza del tuo Io
per essere esaudito in ciò che egli vuole e nulla di più.
Se davvero vuoi rivolgere una preghiera efficace,
una preghiera che ottenga grandi risultati,
una preghiera che cambi la tua vita,
una preghiera che ti renda diverso,
una preghiera che ti faccia modificare la tua realtà,
allora: 
assapora la tua vita.
Pace a te, amatissimo figlio.
Moti


 

 


Padre mio, io mi scontro tutti i giorni
con quella che è la mia realtà interiore
e
con quella che è la realtà intorno a me.
Quale è giusta: questa o quella?
Ciò che io sento veramente è il mio sentire,
o è il mio Io che si è messo l’ennesima maschera
e mi impedisce di vedere qual è la
mia realtà?
Ciò che vedo all’esterno di me è davvero la realtà
o è soltanto una proiezione di ciò che
io voglio vedere?
Quanta insicurezza, Padre mio, in tutto questo!
In alcuni momenti la confusione è
tale
che mi sembra di non riuscire più a
raccapezzarmi.
Se solo potessi trovare un po’ di luce in questo buio
che, a volte, mi piomba addosso come una cappa,
forse, un po’ alla volta,
riuscirei a percorrere la strada
che si perde
in lontananza, sfumando nell’oscurità.
Moti

Figlio mio, ancora una volta tu rivolgi le tue parole tormentate
a me come se io non avessi già fatto abbastanza per aiutarti,
al punto tale che neppure io saprei cosa fare di più.
Io ti ho dato un mondo intero da osservare,
dispiegando davanti ai tuoi occhi le mille e mille meraviglie
che ho saputo creare affinché tu ti specchiassi in esse
e riconoscessi non soltanto te stesso
ma anche la mia mano e la mia presenza.
Ho popolato questo mondo di centinaia di creature diverse
che poi son diventate migliaia,
e ognuna di esse l’ho resa una piccola perla con delle sfumature
che non combaciano mai con quelle delle altre affinché tu,
in ognuna di esse, riuscissi ad osservare quelle sfumature
e a fare il paragone con quelle che puoi vedere dentro di te.
Ti ho dato un corpo fisico per far sì che tu potessi sentire
con i tuoi sensi fisici la realtà del mondo materiale perché,
magari – pensavo – non ti sarebbe bastato osservare
ciò che ti
circondava, ma avresti potuto aver bisogno
di qualcosa di più vicino, di un contatto più immediato
per poter sentire in modo più
profondo la tua appartenenza al Tutto;
ti ho donato un corpo astrale perché tu interagissi con le altre creature
che ho posto intorno a te e mostrassi a queste altre creature
ciò che provavi interiormente, affinché le tue emozioni provocassero
un’eco in loro e questa eco ritornasse in te, e tu riconoscessi
che questo doppio scambio in realtà era un fluire fra te e te stesso;
ti ho dato la facoltà di pensare e un corpo mentale,
in modo tale che tu potessi tirar le fila di tutti questi elementi
che a te ho donato per appagare anche il più esigente degli osservatori,
in modo tale che tu avessi la possibilità di passare al vaglio
della tua ragione il motivo di ciò che ti circonda
e il motivo di ciò che sei per arrivare, alla fine, a comprendere
che non sono due motivi diversi, no, non è vero, non è così:
il motivo è uno solo ed è ciò che unisce te e l’esterno.
Ti ho dato tutto, figlio mio;
la tua strada, che a te sembra perdersi nell’ombra,
è lì, dritta e sicura davanti a te;
chiudi gli occhi, non hai bisogno di vederla per percorrerla,
non hai bisogno di correre per raggiungerla,
metti con pazienza un piede davanti all’altro senza tentennare,
senza aver paura di cadere a destra o a sinistra, avanti o indietro;
stai tranquillo che, anche se cadrai, potrai sempre risollevarti;
dov’è il problema?
A volte cadere serve per riuscire a mantenere intatto
il proprio senso dell’equilibrio.
Metti un passo davanti all’altro con pazienza ed ecco che,
dopo pochi passi, senza che neanche tu te ne accorga,
sei giunto alla fine della strada.
Vedi, figlio mio, non era così difficile come tu pensavi,
sei già qui accanto a me.
Anonimo


 

 


Padre mio, io ascolto talvolta le parole che da fonti diverse
giungono fino a me e mi sembra di aver capito
che tutta la mia esistenza all’interno del piano fisico è regolata
da uno stupendo equilibrio di dare e avere,
come se un grande ragioniere tirasse le fila dell’esistenza
e riuscisse a compensare, in modo incredibilmente splendido,
la vita di ogni individuo.
Eppure, malgrado forse possa aver capito questo,
non riesco a rendermi conto di quando sarà che il dare e l’avere
avranno un senso reale, un senso meno egoistico, un senso più sentito.
Come vorrei poter capire se e quando ciò potrà mai accadere.
Moti

Figlio mio, attraverso il meccanismo del dare e dell’avere
tutta la realtà che io ho creato si struttura e si completa;
nulla esiste in essa che non porti ad uno scambio di vibrazioni
e da questo scambio di vibrazioni il risultato che si ottiene
è un perfetto equilibrio tra ogni più piccolo fattore di ciò
che io ho «sognato».
Tu adesso mi chiedi quando il dare e l’avere,
nei rapporti con gli altri, diventerà un Dare
e un Avere
con la «d» e con la «a» maiuscole;
è semplice, figlio mio, molto semplice:
questo accadrà nel momento in cui nessuno dei due interlocutori
avrà ancora la spinta
a dire «Io ho dato di più»
o «Tu hai ricevuto di più».
Scifo

 

Print Friendly, PDF & Email