Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Si può venire ad un intensivo mossi da due motivazioni apparentemente identiche:
– per imparare e vivere;
– per vivere e imparare.
La prima disposizione, in questa nuova stagione degli intensivi, non vi porterà alcun frutto. Perché?
Perché è fondata sulla preminenza dell’imparare, dunque su di una aspettativa, dunque su di un bisogno.
All’origine ha il moto del prendere, del ricevere e vede e interpreta la realtà al servizio del suo bisogno.
In questa disposizione il vivere è conseguente all’imparare, un corollario.
Nella seconda disposizione, quella giusta in questa stagione, al centro c’è il vivere: l’imparare è intrinseco ad esso, ma non è preminente, né è finalità perseguita.
La persona che viene per vivere è disposta a misurarsi con le situazioni, a viverle per quel che sono, a non aspettarsi niente di speciale.
Ecco, venite, vivete e non aspettatevi niente di speciale: allora la vita verrà e dichiarerà la propria ordinarietà e in questa troverete l’essenziale.

Print Friendly, PDF & Email