Il fare nell’accadere, agire nel non-agire, essere specchio (94)

[featured_image]
Scarica
Download is available until [expire_date]
  • Versione
  • Scarica 22
  • Dimensioni file 389.95 KB
  • Conteggio file 1
  • Data di Pubblicazione 6 Gennaio 2017
  • Ultimo aggiornamento 6 Gennaio 2017

Il fare nell'accadere, agire nel non-agire, essere specchio (94)

La naturalità del pensiero porta l’uomo ad agire guidato da ciò che accade nel quotidiano; il pensiero ne viene catturato e l’uomo scopre che mai nulla riguarda colui che osserva. Quindi lui tende a dimenticarsi di sé ed a vivere in sintonia con ciò che accade, perché il pensiero è assorbito lì e l’emozione esprime accoglienza, mentre l’azione è non-azione - è stare in - perché muore il bisogno di agire per un fine.
Tutto questo accade perché l’uomo viene colto: in lui muore ogni finalità e ciò che c’è è il nuovo motore che determina l’agire. Perché colui che vive uno stato di non-mente vive ed agisce in aderenza con la radice profonda dell’esistenza.

Lascia un commento