Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Il ritmo delle giornate
Le giornate nell’eremo si svolgono secondo un ritmo costante lungo tutto il corso dell’anno. Questa è un’ esigenza imprescindibile: nel ritmo dei giorni sempre uguali a se stessi da un lato la mente si ribella, dall’altro si placa sotto lo sguardo che la contempla.
La giornata è dedicata ai piccoli lavori dell’orto, del campo, della casa e al semplice stare; la gran parte del tempo è vissuta senza finalità e senza scopo coltivando, per quanto a noi possibile, il risiedere nella disposizione meditativa e contemplativa.
Non c’è alcuna separazione tra meditazione, contemplazione e vita: ogni istante è quella pratica, ogni attimo dell’intera giornata è quel gesto di abbandono all’adesso, di svuotamento di sé, di disponibilità a perdere il proprio confine lasciando che l’altro, qualunque cosa, o persona, o fatto esso sia, si affermi.

La nostra storia
Quando è iniziata questa storia? In anni lontanissimi quando chi scrive era ancora bambino.
L’incontro fondamentale è stato, all’incirca verso la metà degli anni ’80, con gli amici della “Stella del mattino”, che allora era solo una comunità buddista zen e poi è diventata una comunità di dialogo interreligioso. Anni intensi di confronto, di lavoro, di pratica, di studio. Poi le nostre strade si sono divise e il cammino è continuato in solitudine.
Nel 1993 chi scrive ha abbandonato il lavoro e il ritiro nella vita solitaria, silenziosa ed appartata, si è fatto più intenso. Da allora è anche iniziata l’attività di accompagnamento e di insegnamento rivolta a singoli e a gruppi.
Nel 2002 è avvenuto l’incontro con la via della Conoscenza che è continuato fino all’autunno 2006. E’ stata la naturale continuazione della formazione intrapresa nello zen e sono stati anni di esperienza e apprendimento incomparabili.
Il dividersi, alla fine del 2006, della nostra strada dalla via della Conoscenza, ci ha condotti ad impostare, anche teoricamente, quell’esperienza che definiamo “il Sentiero contemplativo”. Da allora la spinta a ricercare è andata affievolendosi per poi scomparire.
L’orizzonte di oggi è rappresentato da questo piccolo quotidiano cui nulla manca e coloro che cercavano un senso non pongono più domande.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *