Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Zazen, all’alba

Mi fermo qui;
un muro chiaro
con carta da parati
in un angolo di casa.

Totalmente nel corpo,
immobile come masso,
rimango del tutto qua,
lasciando cadere ogni forma di resistenza.

Momenti di quieta solitudine,
di presenza totale,
momenti di puro essere, fuori dalla cognizione del tempo.

Momenti di pura osservazione,
di ascolto privo di pensiero.
Momenti nei quali la vita si limita a essere.

13-10-2012

 

Tutela dei contenuti I contenuti di questo post ricadono sotto licenza Creative CommonsIndipendentemente da quel che la licenza permette,
non puoi copiare questo testo perché la duplicazione produrrebbe una penalizzazione, da parte dei motori di ricerca, di questo sito e di quello ospitante la copia.

Print Friendly, PDF & Email
  1. si, è proprio un bello spazio quello che hai descritto.

    dispone tutta la giornata quando ancora fuori è buio.
    quella porzione di muro bianco si mette a fuoco e poi scompare per poi ricomparire..
    il gioco della mente.
    quando lei pensa non vede.

    un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *