Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Tag: eremo

Pubblico degli stralci di una lettera che mi ha scritto una lettrice con cui da tempo sono in contatto, e poi provo ad analizzarne delle parti significative per il cammino interiore di molti che vivono quanto la persona descrive e, magari, non riescono a vedere e analizzare con altrettanta chiarezza la loro situazione esistenziale. Naturalmente, […]

L’eremo non è tanto e non solo un luogo fisico, è innanzitutto uno stato del sentire e una profonda esperienza esistenziale. Una esperienza che oscilla tra il tempo e il non tempo: nella sfera del divenire – in cui l’eremo si colloca – ogni fatto è assorbito dall’essere, come la luce assorbe le ombre, come il […]

Da giovani volevamo avere tempo, spazio, orizzonte vasto: la vita è stata generosa e ce li ha donati. L’umano pensa sempre nei termini del fare: in un eremo non fai, stai. Quando il mondo vortica, tu sei immobile. Quando l’umano desidera, nulla ti attraversa. Difficile comprendere, quando tutta la vita è azione condizionata, cosa significhi […]

Scrive una lettrice che qui chiameremo Ina: “Anni fa ho avuto la sensazione netta della chiamata, una forza irresistibile che mi ha dirottata dalla vita solita, ho frequentato gruppi spirituali, fatto ritiri. […] col tempo ho lasciato i gruppi […] non c’è più nessuno con cui rapportarmi […] andrebbe bene anche così se ogni tanto non pensassi (come dici […]

Tra i monti, molto lontano dal mondo, c’era un eremo dove vivevano due eremiti. La loro età era avanzata ma non definibile; abitavano l’eremo da molti decenni, si nutrivano dei frutti del bosco, delle erbe selvatiche e dei prodotti del loro minuscolo orto. Vestivano di abiti disadorni, larghi e piuttosto consunti, sempre gli stessi. Ai […]

Nella buca delle lettere un fringuello dormiva con il capo coperto dall’ala. A passi lenti Enni ed io siamo tornati il silenzio era assoluto. Questa è la nostra vita qui, all’Eremo dal silenzio: noi sappiamo che per tanti le giornate e le ore non sono facili, mai la consapevolezza di questo ci viene meno. Il nostro […]

L’ultimo giorno dell’anno diradi la siepe di olmi e fai spazio alle querce giovani. Il freddo pungente del mattino le foglie su cui cammini la presenza silenziosa degli uccelli. Nella mente senza pensieri scorrono le immagini mute delle persone amiche le cui difficoltà conosci. La foto è di Luciana Bartolini  

Non dell’esistere, né dell’esserci. Dell’essere. L’essere non è ne io né tu, l’essere è l’insieme.