Dove la mente vede il deserto, l'esperienza contemplativa svela il seme della vita

Category: In evidenza

Continuo la riflessione iniziata nel post: La differenza tra il ringraziare e l’essere quel grazie. Premessa: non possiamo educare la mente al pensiero unitario se il sentire non ha il gusto grado di comprensioni maturato. L’educare è primariamente un facilitare l’emersione di ciò che già è contenuto nel sentire e, secondariamente, è un plasmare i […]

Durante gli intensivi a Fonte Avellana, recitiamo prima dei pasti il testo che trovate alla fine di questo post: è un testo complesso che parla al sentire più che alla mente e che descrive un principio: noi non ringraziamo una entità divina per il dono della vita, noi siamo l’entità, il dono e la vita. […]

Se dovessi fermarmi all’espressione di André Louf riportata da Enzo Bianchi: “Dio ama il peccatore perché in lui può dispensare la sua grazia e mostrare l’ampiezza del suo amore misericordioso. Le virtù, infatti, imbarazzano il Signore se non sono frutto della sua grazia!”, nulla comprenderei di quest’uomo e mi impedirei di cogliere la profondità del […]

Un’amica mi chiede di scrivere sulla meditazione, cercherò di farlo indagando il tema in modo non convenzionale attraverso una serie di appunti, senza la pretesa di esaurire il tema. Una definizione: – la meditazione è la pratica della consapevolezza di quel-che-è; – la meditazione è la pratica della non-consapevolezza di quel-che-è; – la meditazione è […]

Obbedire è ascoltare, prestare ascolto. Prestare ascolto ai simboli che giungono come parole, come gesti, come situazioni. Prestare ascolto a ciò che sorge nell’interiore come moto dell’identità, come canto del divenire con sé al centro. Prestare ascolto alla voce profonda, all’ispirazione improvvisa, all’intuizione che illumina la notte. Prestare ascolto a ciò che nel vivere si […]

Luca 14,26-27  26 «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e persino la sua propria vita, non può essere mio discepolo. 27 E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo. Difficile dare una interpretazione […]